Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata

GAS, CONFINDUSTRIA: STRATEGICO PER IL FUTURO; NEL 2040 SARA’ LA SECONDA FONTE ENERGETICA DOPO LE RINNOVABILI.

La transizione low carbon implica la necessità di coniugare le esigenze di sostenibilità ambientale con la garanzia di un approvvigionamento energetico sicuro, competitivo e stabile nel tempo.

Per questo il gas naturale può essere uno dei protagonisti del futuro sistema energetico.  Il basso impatto ambientale e l’elevata flessibilità - come emerge dall’analisi condotta da Confindustria in collaborazione con Nomisma Energia presentata oggi - ne fanno infatti il principale alleato delle fonti rinnovabili nella sostituzione dei combustibili fossili maggiormente inquinanti. Il gas naturale è un  combustibile fossile pulito per eccellenza: se comparato con il carbone per la generazione elettrica emette il 50% di CO2 in meno, il 90% di CO in meno. Nel 2017 il combustibile più impiegato ai fini energetici al mondo è stato il petrolio con 5 miliardi di tep (4.964 Mtep), seguito dal carbone con 4 miliardi, mentre il gas naturale si trova al terzo posto (3,2 miliardi di tep), sopra alle energie rinnovabili (2 miliardi di tep) e al nucleare (0,7 miliardi di tep). Le proiezioni considerano al 2040 un incremento di tutte le fonti energetiche ad eccezione del carbone, in quanto più inquinante. In tale prospettiva il gas naturale potrebbe divenire la seconda fonte energetica più impiegata, con un incremento del 40% dei volumi mondiali. I primi quattro Paesi più dotati di tale risorsa, appartengono a due macro aree: Ex Urss e Medio Oriente. Nel 2017 la quota di mercato della Russia ha raggiunto il valore record del 43% sulle importazioni europee di gas (da Paesi extra-UE), nonostante le sanzioni commerciali adottate a partire dal 2014, arrivando a soddisfare il 31% della domanda dell’Unione. Tale dipendenza potrebbe essere destinata a crescere. E' fondamentale avviare una riflessione seria, a livello comunitario, sull’opportunità di diversificare la geopolitica degli approvvigionamenti europei e migliorare la competitività del mercato tra i fornitori.Il contesto geopolitico attuale, caratterizzato da instabilità politica nel Nord Africa, dalla guerra al terrorismo nel medio oriente e da tensioni sull’asse Russia-UE-USA, ci obbliga a riflettere sul tema della sicurezza energetica del nostro Paese e dell’Europa in genere. In tale quadro l’Italia assume una evidente importanza, dovuta alla sua strategica posizione geografica e ai suoi collegamenti con i fornitori esteri, già consolidati.“Sul fronte della competitività l’Italia scontaoggi un differenziale sul prezzodel gas naturalenel mercatorispetto al Nord Europa maggiore di circa 2 €/MWhche determina una perdita di competitività per le imprese nazionali.- Ha commentato Giuseppe Pasini Presidente del gruppo tecnico energia di Confindustria -Occorre azzerare tale differenziale attraverso interventi infrastrutturali e misure regolatorie. l nostro paese può rappresentare, inoltre, lo snodo che consentirebbe di diversificare le rotte di approvvigionamento, evitando di consegnare il destino dell’Europa nelle mani di un solo paese. È arrivato il momento che l’Europa assuma delle decisioni per la sua stessa sopravvivenza e punti a rafforzare e finanziare alcune infrastrutture energetiche. Mentre la Germania sta completando il raddoppio del Nord Stream da 55 a 110 miliardi di metri cubi anno, l’Italia deve rafforzare gli sforzi sulla realizzazione del Corridoio Sud, che ancora manca, nonostante se ne parli da anni. Il TAP, infatti, conclude Pasini - ha avuto il via libera dal Governo solo a fine 2018 e altri progetticome sono autorizzati e in via di sviluppo”.

COPYRIGHT © 2019. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com