Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata
.: RSS di Economia - ANSA.it:.  Borsa: Europa fiacca, Milano in parità Cala fiducia consumatori Usa, spread sotto quota 265    |    Wall Street apre in calo, Dj -0,14% Nasdaq -0,21%, -0,02% l'indice Sp500    |    Banca Piacenza:70mila azioni assegnate Sottoscritte oltre 70mila. Sforza, dimostra fiducia nella banca    |    Petrolio: forte calo a New York, -2,2% Scambi a 63,89 dollari    |    Borsa: Europa migliora dopo Pil Usa, Milano +0,15% Futures Usa contrastati, Spread scende a 265 punti    |    Borsa: Europa migliora, Milano +0,15% Futures Usa contrastati, Spread scende a 265 punti    |    Usa: pil primo trimestre vola al 3,2% Ben al di sopra delle attese    |    Reddito di cittadinanza: quasi 950 mila domande, Campania prima Segue la Sicilia. Superiori alle 80mila le richieste in Lazio, Puglia e Lombardia    |    Confindustria: Def,realismo ma dice poco Manovra sarà arduo esercizio. Scenario resta fragile e incerto    |    Borsa: Europa gira in positivo Attesa per dati Pil Usa, euro prosegue in rialzo su dollaro    |    Rating, ecco le valutazioni sull'Italia I voti attuali delle principali agenzie sul nostro Paese    |    Deutsche Bank apre a fusione asset management Ma Dws dovrebbe restare parte della strategia del gruppo    |    Borsa: Europa in calo con paure crescita In rosso energetici con calo petrolio, in rialzo euro su dollaro    |    Nel primo trimestre 2019 -21.000 imprese E' il dato peggiore da 5 anni. Soffrono sopratutto artigiani    |    Borsa: Europa debole, attesa per Pil Usa In calo titoli legati a petrolio, in rialzo euro su dollaro    |    Borsa: Milano gira in calo, attesa S&P Su listino pesano banche e petroliferi,stabile spread Btp Bund    |    Borsa: Europa gira in positivo, Milano attende S&P    |    Borsa: Europa apre debole Parigi (+0,2), Londra (+0,09%), Francoforte (+0,02%)    |    Borsa: Milano apre piatta (+0,01%) Indice Ftse Mib a 21.721 punti    |    Borsa: Asia chiude in rosso, pesa Cina In calo Tokyo (-0,2%), lo yen si rafforza sul dollaro    |    Spread stabile a 269 punti base Rendimento del decennale italiano al 2,67%    |    Cambi: euro in aumento a 1,1139 dollari Moneta unica vale 124,49 yen    |    Oro: in aumento a 1.279 dollari l'oncia Guadagna lo 0,2%    |    Petrolio: scende a 64,83 dollari Brent torna a 74,14 dollari    |    Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,62%) Ultima seduta prima di lunga pausa festiva di 10 giorni    |    Essilux,i francesi vogliono un commissario Chiesto al Tribunale di Parigi per 'sbloccare la maggioranza'    |    Borsa Milano: chiude su parità -0,02% Indice a 21.719 punti    |   

CONFINDUSTRIA: ACCORDO UE-GIAPPONE POSITIVO PER LE IMPRESE

“L’entrata in vigore dell’accordo di libero scambio Ue-Giappone apre nuove opportunità per le imprese”. Cosi la vice Presidente per l’internazionalizzazione di Confindustria Licia Mattioli.

“L’export industriale ha trainato la ripresa del Paese fino a quando ve ne sono state le condizioni, con tassi di crescita formidabili come il 7,4% registrato nel 2017, ma dallo scorso anno il rallentamento economico globale e le tensioni protezionistiche stanno depotenziando questa leva. Il dato positivo è che grazie alla Ue la liberalizzazione dei mercati internazionali avanza nonostante il protezionismo. Le intese raggiunte da Bruxelles interessano mercati fondamentali per l’industria italiana. Dopo quello con il Canada – continua l’esponente di Confindustria - l’accordo con il Giappone è il secondo con un partner G7, quindi con economie dai fondamentali solidi e strutture industriali altamente complementari alla nostra. Il Giappone apre il proprio mercato in settori tradizionalmente protetti come quello degli appalti pubblici eliminando moltissime barriere tecniche in settori strategici per il nostro Paese come la meccanica e la componentistica auto. Abbatte inoltre i dazi sui beni di consumo, incluso l’alimentare e tutela tutte le principali indicazioni geografiche. Ma per quanto le nostre imprese sappiano cogliere appieno le opportunità a livello internazionale, l'Italia non può vivere solo di export. Bisogna restituire fiducia agli investitori – conclude Licia Mattioli - e riavviare il volano della crescita domestica anzitutto sbloccando i progetti infrastrutturali. Il fatto che siamo ufficialmente in recessione deve spingerci a reagire subito e con determinazione”.

COPYRIGHT © 2019. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com