Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata
.: RSS di Economia - ANSA.it:.  Borsa: Shanghai apre a -1,14% In calo anche Shenzhen, a -1,18%    |    Borsa: Tokyo, apertura in forte ribasso Cambi: yen si stabilizza sul dollaro ed euro    |    Petrolio chiude in calo a 59,9 dollari Quotazioni perdono lo 0,32%    |    Boccia,dubbi su quota 100 e assunzioni Non ci sono analisi che sostengano questa ipotesi    |    Abi, non indebolirci,noi acquirenti Btp Banche continuano a sottoscriverli nonostante lo spread    |    Genova, Spediporto,calo traffico ottobre Domani l'associazione vota la class action contro Autostrade    |    Carige: Malacalza non aderirà a bond Premier Conte soddisfatto    |    Carige: da Fondo Interbancario 320 mln Sottoscriverà bond banca ligure. Assemblea il 30 novembre    |    Spread Btp chiude in rialzo sopra 300 Rendimento al 3,43%    |    Borsa Milano debole con Stm, sale Tim Ftse Mib tiene a fatica quota 19mila punti, bene Unipol    |    Borsa: Europa debole, Francoforte -1,7% Chiudono in calo anche Parigi e Londra    |    Borsa: Milano chiude in calo, -1,05% Indice principali titoli di Piazza Affari a 19.055 punti    |    Ikea, mamma licenziata per disciplina Lo ha stabilito il giudice del lavoro di Milano    |    Borsa: tonfo hi-tech su frenata ordini A Francoforte scivola Infineon, sul Nasdaq crolla Lumentum    |    Pmi Day, 42mila studenti in 1100 aziende Robiglio, trasmettiamo i nostri valori per le imprese del futuro    |    Cambi:euro a minimi 16mesi fra rischi Ue Sterlina giù, pressione su premier May    |    Lavoro:Experis Academy crea talenti 4.0 Al Kilometro Rosso oltre 2.000 ore formazione per rivoluzione te    |    Pensioni: Upb, con quota 100 tagli 5-30% Platea potenziale 437mila, se tutti in pensione spesa a 13 mld    |    Borse Europa deboli, Milano cede lo 0,5% Francoforte cede lo 0,7%. Londra piatta. Tim resta forte (+4,6%)    |    Genish, è Tim che deve controllare Rete Separazione proprietaria pone a rischio futuro azienda e Paese    |    Carige,stop in Borsa contro fuga notizie 'Rischio movimenti speculativi'. Attesa per cda su bond    |    Bene asta Bot 1 anno, tasso cala a 0,63% Assegnati titoli per 5,5 mld. Domanda migliora, supera 9 mld    |    Produzione industria -0,2% nel trimestre Scende 0,2% a settembre, su anno +1,3%    |    L'Istat sul Pil: per 1,2% nel 2018 serve IV trimestre +0,4% Mutato scenario può influire su saldi finanza pubblica    |    Borse Europa contrastate, bene Londra In rosso Parigi e Milano, piatta Madrid    |    In calo la produzione industriale a settembre -0,2%, ma cresce su anno +1,3% Si tratta del terzo stop consecutivo . Pesante la flessione per il settore auto    |    Borsa: Europa apre in crescita Bene Parigi +0,4%, Madrid +0,4%, Milano +0,37% e Londra +0,6%    |    Alibaba, vendite giorno single 30,8mld Oltre 180.000 brand a decennale 24 ore di shopping speciale    |    Borsa: Milano apre in rialzo dello 0,37% L'indice Ftse Mib a quota 19.329 punti    |    Milano negativa con occhi alla manovra, spread in salita Asia contrastata, Piazze cinesi in solida crescita    |    Spread Btp apre stabile a 298 punti Rendimento al 3,39%    |    Cambi:euro scivola su dollaro a 1,1275 Yen a 128,72    |    Borse Asia contrastate, bene la Cina Shenzhen guadagna il 2,5% e Shanghai l'1,2%. Tokyo poco mossa    |    Manovra: allarme Istat sulla crescita. Upb, con quota 100 pensioni ridotte. Tensione nel governo    |    Oro: poco mosso a 1.208 dollari l'oncia Sui mercati asiatici    |    Petrolio: in rialzo a 61,11 dollari Brent a 71,63 dollari    |    Alibaba, vendite record nel Single Day Oltre 180.000 brand a decennale 24 ore di shopping speciale    |   

La Cassazione accoglie il ricorso del contribuente per omesso esame dei giudici tributari dei rilievi contenuti nella perizia di parte allegata in giudizio

Con un’importante ordinanza, n. 25526 del 12 ottobre 2018, la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso proposto da una società, costituitasi in giudizio e difesa dall’Avv. Maurizio Villani.

In particolare, la vicenda ha ad oggetto l’impugnazione di un avviso di rettifica e liquidazione con il quale l’Ufficio liquidava una maggiore imposta di registro, ipotecaria e catastale, oltre interessi e sanzioni nei confronti di una società, il tutto a seguito di un acquisto di un’azienda della quale veniva rideterminato il valore d’acquisto.

 

In sostanza, l’Agenzia delle Entrate rideterminava il valore di acquisto del bene compravenduto basandosi esclusivamente sulla stima redatta dall’Agenzia del Territorio, rettificando il valore dichiarato ed elevandolo da € 865.000 ad € 1.722.727.

Avverso l’illegittimo atto impositivo la società proponeva ricorso innanzi alla CTP di Brindisi che, tuttavia, accoglieva solo parzialmente le doglianze della ricorrente, rideterminando il valore degli immobili in complessivi € 1.305.900.

Proposto appello avverso la sentenza di primo grado, la CTR di Lecce confermava il decisum di prime cure con la seguente stringata motivazione: “facendo proprie le argomentazioni ed il convincimento dei Giudici della C.T.P., che in tutto condivide, non può che uniformarsi a quanto già deciso, confermando la sentenza appellata …”.

Orbene, avverso la suddetta illegittima sentenza la società ha proposto ricorso per Cassazione lamentando l’omessa motivazione circa un fatto decisivo per il giudizio, in considerazione del fatto che la sentenza impugnata non aveva tenuto in alcuna considerazione i rilievi contenuti nella perizia di parte che, concernendo elementi non adeguatamente valutati dal CTU nominato in primo grado, avrebbero dovuto condurre ad una decisione differente.

Sul punto i giudici di legittimità hanno dato ragione alla contribuente, richiamando la giurisprudenza di legittimità che anche di recente ha avuto modo di affermare che “allorché' ad una consulenza tecnica d'ufficio siano mosse critiche puntuali e dettagliate da un consulente di parte il giudice che intenda disattenderle ha l'obbligo di indicare nella motivazione della sentenza le ragioni di tale scelta, senza che possa limitarsi a richiamare acriticamente le conclusioni del proprio consulente, ove questi a sua volta non si sia fatto carico di esaminare e confutare i rilievi di parte”, incorrendo, in  tal caso, nel vizio di motivazione deducibile ai sensi dell’art. 360, n. 5, c.p.c. (Cass., Sez. 1, n. 23637 del 21 novembre 2016).

Ed infatti, il giudice tributario, pur potendosi limitare a fare proprie le conclusioni del Ctu, è comunque tenuto a motivare in ordine alle specifiche critiche della parte all’elaborato dell’ufficio, a meno che lo stesso Ctu non abbia preso posizione al riguardo (Cassazione n. 1815 del 02 febbraio 2015).

Oltre a ciò, i giudici di legittimità hanno rilevato che nella fattispecie in esame la sentenza doveva considerarsi, altresì, nulla per mancanza del requisito di cui all’art. 132, comma 1, n. 4), c.p.c., in quanto la stessa non aveva nemmeno menzionato la Ctu di primo grado e nulla aveva detto in ordine alle contestazioni contenute nella consulenza di parte, essendosi limitata a ritenere adeguata la motivazione ed a fare riferimento ad una relazione allegata all’avviso di rettifica della quale, tuttavia, non aveva riportato, nemmeno in maniera sintetica, il contenuto.

In conclusione, la Suprema Corte ha ritenuto che i giudici di merito si erano limitati a confermare la sentenza appellata senza prendere posizione sulle censure di parte, né valutare, nei limiti del gravame, le prove poste a fondamento della sentenza di prime cure.

Il ricorso della società, pertanto, è stato accolto dalla Corte di Cassazione, con conseguente rinvio del giudizio alla CTR di Lecce in diversa composizione per una nuova decisione nel merito.

Lecce, 22 ottobre 2018                                               Avv. Maurizio Villani  

Avv. Alessandra Rizzelli                                                               

 

 

 

 
"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""
COPYRIGHT © 2018. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com