Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata
.: RSS di Economia - ANSA.it:.  Borsa: Shanghai apre a -1,14% In calo anche Shenzhen, a -1,18%    |    Borsa: Tokyo, apertura in forte ribasso Cambi: yen si stabilizza sul dollaro ed euro    |    Petrolio chiude in calo a 59,9 dollari Quotazioni perdono lo 0,32%    |    Boccia,dubbi su quota 100 e assunzioni Non ci sono analisi che sostengano questa ipotesi    |    Abi, non indebolirci,noi acquirenti Btp Banche continuano a sottoscriverli nonostante lo spread    |    Genova, Spediporto,calo traffico ottobre Domani l'associazione vota la class action contro Autostrade    |    Carige: Malacalza non aderirà a bond Premier Conte soddisfatto    |    Carige: da Fondo Interbancario 320 mln Sottoscriverà bond banca ligure. Assemblea il 30 novembre    |    Spread Btp chiude in rialzo sopra 300 Rendimento al 3,43%    |    Borsa Milano debole con Stm, sale Tim Ftse Mib tiene a fatica quota 19mila punti, bene Unipol    |    Borsa: Europa debole, Francoforte -1,7% Chiudono in calo anche Parigi e Londra    |    Borsa: Milano chiude in calo, -1,05% Indice principali titoli di Piazza Affari a 19.055 punti    |    Ikea, mamma licenziata per disciplina Lo ha stabilito il giudice del lavoro di Milano    |    Borsa: tonfo hi-tech su frenata ordini A Francoforte scivola Infineon, sul Nasdaq crolla Lumentum    |    Pmi Day, 42mila studenti in 1100 aziende Robiglio, trasmettiamo i nostri valori per le imprese del futuro    |    Cambi:euro a minimi 16mesi fra rischi Ue Sterlina giù, pressione su premier May    |    Lavoro:Experis Academy crea talenti 4.0 Al Kilometro Rosso oltre 2.000 ore formazione per rivoluzione te    |    Pensioni: Upb, con quota 100 tagli 5-30% Platea potenziale 437mila, se tutti in pensione spesa a 13 mld    |    Borse Europa deboli, Milano cede lo 0,5% Francoforte cede lo 0,7%. Londra piatta. Tim resta forte (+4,6%)    |    Genish, è Tim che deve controllare Rete Separazione proprietaria pone a rischio futuro azienda e Paese    |    Carige,stop in Borsa contro fuga notizie 'Rischio movimenti speculativi'. Attesa per cda su bond    |    Bene asta Bot 1 anno, tasso cala a 0,63% Assegnati titoli per 5,5 mld. Domanda migliora, supera 9 mld    |    Produzione industria -0,2% nel trimestre Scende 0,2% a settembre, su anno +1,3%    |    L'Istat sul Pil: per 1,2% nel 2018 serve IV trimestre +0,4% Mutato scenario può influire su saldi finanza pubblica    |    Borse Europa contrastate, bene Londra In rosso Parigi e Milano, piatta Madrid    |    In calo la produzione industriale a settembre -0,2%, ma cresce su anno +1,3% Si tratta del terzo stop consecutivo . Pesante la flessione per il settore auto    |    Borsa: Europa apre in crescita Bene Parigi +0,4%, Madrid +0,4%, Milano +0,37% e Londra +0,6%    |    Alibaba, vendite giorno single 30,8mld Oltre 180.000 brand a decennale 24 ore di shopping speciale    |    Borsa: Milano apre in rialzo dello 0,37% L'indice Ftse Mib a quota 19.329 punti    |    Milano negativa con occhi alla manovra, spread in salita Asia contrastata, Piazze cinesi in solida crescita    |    Spread Btp apre stabile a 298 punti Rendimento al 3,39%    |    Cambi:euro scivola su dollaro a 1,1275 Yen a 128,72    |    Borse Asia contrastate, bene la Cina Shenzhen guadagna il 2,5% e Shanghai l'1,2%. Tokyo poco mossa    |    Manovra: allarme Istat sulla crescita. Upb, con quota 100 pensioni ridotte. Tensione nel governo    |    Oro: poco mosso a 1.208 dollari l'oncia Sui mercati asiatici    |    Petrolio: in rialzo a 61,11 dollari Brent a 71,63 dollari    |    Alibaba, vendite record nel Single Day Oltre 180.000 brand a decennale 24 ore di shopping speciale    |   

DL DIGNITA’: CONFINDUSTRIA, SEGNALE MOLTO NEGATIVO PER IMPRESE

Il decreto-legge “dignità” approvato ieri è il primo vero atto collegiale del nuovo Esecutivo e, anche per questo, è un segnale molto negativo per il mondo delle imprese.  
Questo il primo commento di Confindustria sulle decisioni assunte ieri dal Consiglio dei Ministri.
Come abbiamo sempre sostenuto – prosegue Confindustria – sono infatti le imprese che creano il lavoro. Le regole possono favorire o scoraggiare i processi di sviluppo e hanno la funzione di accompagnare i cambiamenti in atto, anche nel mercato del lavoro. Si dovrebbe perciò intervenire sulle regole quando è necessario per tener conto di questi cambiamenti e, soprattutto, degli effetti prodotti da quelle precedenti.
Il contrario di ciò che è avvenuto col decreto “dignità”. Mentre infatti i dati ISTAT raccontano un mercato del lavoro in crescita, il Governo innesta la retromarcia rispetto ad alcune innovazioni che hanno contribuito a quella crescita. Peraltro, le nuove regole saranno poco utili rispetto all’obiettivo dichiarato – contrastare la precarietà – perché l’incidenza dei contratti a termine sul totale degli occupati è, in Italia, in linea con la media europea.
Il risultato sarà di avere meno lavoro, non meno precarietà.
Preoccupa anche che siano le imprese a pagare il prezzo di un’interminabile corsa elettorale all’interno della maggioranza e che si creino i presupposti per dividere gli attori del mercato del lavoro, col rischio di riproporre vecchie contrapposizioni.
Valutazioni analoghe anche per la stretta in tema di delocalizzazioni. L’Italia è un grande Paese industriale, la seconda potenza manifatturiera in Europa dopo la Germania, e avrebbe bisogno di regole per attrarre gli investimenti, interni ed esteri. Quelle scritte ieri, invece, gli investimenti rischiano di disincentivarli.
Sia chiaro: colpire duramente i comportamenti opportunistici di chi assume un impegno con lo Stato e poi non lo mantiene è un obiettivo che condividiamo. Ma revocare gli incentivi per colpire situazioni di effettiva distrazione di attività produttive e di basi occupazionali dall’Italia è un conto; altro è, invece, disegnare regole punitive e dalla portata tanto ampia quanto generica
L’unico denominatore comune delle scelte fatte in tema di lavoro e delocalizzazioni è di rendere più incerto e imprevedibile il quadro delle regole in cui operano le imprese italiane: l’esatto contrario delle finalità di semplificazione e snellimento burocratico dichiarate dal nuovo Governo all’atto del suo insediamento.

COPYRIGHT © 2018. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com