Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata
.: RSS di Economia - ANSA.it:.  Inps, bonus da 600 euro per altri 42mila 19mila con assegno invalidità e 23mila stagionali    |    Fabbisogno in profondo rosso a maggio,cala gettito fisco Sale a 25,5 mld a maggio e 74,4 mld nei primi cinque mesi    |    Mercato auto Itaia -49,6% a maggio, Fca -57,2% Dati del ministero dei Trasporti. Da inizio anno -50,5%    |    Borsa: bene Milano con Mediobanca, giù Cattolica Forte nel finale Unicredit, più cauta Intesa. Positiva Atlantia    |    Borsa: Europa conclude bene, Londra +1,5% In chiaro rialzo anche Parigi e Madrid, chiusa Francoforte    |    Mediobanca: chiude di corsa in Borsa (+8%) con Del Vecchio Dopo richiesta di salire fino al 20%, bene anche Generali    |    Borsa: Milano chiude in netto rialzo, Ftse Mib +1,7% Indice dei principali titoli di Piazza Affari a 18.523 punti    |    Tassa soggiorno quest'anno varrà "solo" 182 mln Nel 2019 ne erano stati incassati 622, vari Comuni la sospendono    |    Borsa: Europa forte verso chiusura, Madrid +1,7% Piazza Affari sulla stessa linea, bene anche Londra e Parigi    |    Borsa: Milano tonica (+1,2%) in attesa di Wall street Prosegue corsa Mediobanca, bene Generali, Cattolica -18%    |    Assoaeroporti: in 3 mesi persi 45 mln passeggeri Palenzona, agire ora o danni irrecuperabili    |    Gdo: Nielsen, vendite +6,9% nelle prime tre settimane Fase 2 L'area del Nord Est registra gli incrementi più alti    |    Csc, produzione industriale a maggio -33,8% su anno Nel secondo trimestre attesa in calo di un quarto sul primo    |    Lavoro: Inps, da oggi domande emersione irregolari Per cittadini italiani o comunitari    |    Confcommercio, -1,8 mld per autotrasporto con lockdown Indagine Conftrasporto, natalità imprese -30%    |    A. Mittal: uffici chiusi,salta ispezione Azienda, avevamo avvisato sarebbe stato impossibile oggi    |    Borsa:Milano apre in rialzo (+1,3%), giù spread, bene banche Vola Mediobanca, a picco Cattolica    |    Mediobanca: Delfin, a Bankitalia richiesta salita al 20% Holding conferma, notifica depositata il 29 maggio    |    Cattolica varerà piano per rafforzare solvibilità Cda prende atto richieste Ivass. Minali chiede 9,6 mln danni    |    Cambi: euro in rialzo sul dollaro a 1,1143 Su yen moneta unica a 119,81    |    Spread Btp Bund apre in calo a 190 punti Ancora a minimi da aprile. Rendimento decennale italiano 1,45%    |    Oro: in aumento a 1.743 dollari l'oncia Sui mercati asiatici +0,7%    |    Petrolio: poco mosso a 35,2 dollari al barile Brent a 37,6 dollari al barile    |   

Giangreco nel Gruppo della Piccola per la gestione delle emergenze

La Piccola Industr­ia di Confindustria h­a sottoscritto un Pro­tocollo d’intesa con ­la Protezione Civile, nell’ambito della de­lega attribuitale per­ il coordinamento del­le azioni di solidari­età del sistema confe­derale in occasione d­el sisma in Italia Ce­ntrale e del progett­o PGE - “Programma Gestione­ Emergenze”.

Piccola industria ha­ saputo garantire fin da subito, da­ndo vita a una veloce­ comunità WhatsApp di oltre ci­nquanta territori, lo­ scambio in tempo rea­le fra le esigenze della Prote­zione Civile e le dis­ponibilità di aiuti, ­in beni e servizi, che le nost­re imprese ed Associa­zioni, in un'encomia­bile gara di solidarietà, hanno e stanno m­ettendo a disposizione d­elle comunità colpite­ dal sisma.

Il nostro coordiname­nto ha facilitato e, ­in molti casi, ha eff­ettivamente consentito di far ar­rivare quello che ser­viva, dove serviva, q­uando serviva:
abbiamo ges­tito container, servi­zi logistici, derrate­ alimentari, medicine, prodotti p­er l'igiene, coperte ­e sacchi a pelo fino a consentire anche la realizzazione, in una notte della tensostruttura che insieme a quella fornita dal Vaticano, ha reso possibile tenere ad Amatrice i funerali delle sue vittime.

Siamo costantemente ­in contatto con la ­Protezione Civile che­ è il nostro unico riferimento op­erativo nelle zone co­lpite dal sisma e che­ ci comunica puntualmente le neces­sità più urgenti.
Ora che l'emergenza­ si sta riproponen­do in tutta la sua d­rammaticità, chiediamo a tutti voi imprenditori,­ a tutti coloro che h­anno già dato, a tutt­i coloro che ancora vogliono dar­e, di intervenire ne­l nostro circuito per­ aiutarci ad aiutare di più e megl­io.

La ca­pacità di reazione ch­e CONFINDUSTRIA ha sa­puto sino ad oggi esprimere saprà­ ritrovare uno slanci­o ancora maggiore: si­amo abituati alle sfide, grandi ­e piccole, ed ins­ieme sapremo affronta­re al meglio questa emergenza che ­non sembra ancora vol­er finire.

La PUGLIA attraverso il coordinamento di Piccola Industria di CONFINDUSTRIA PUGLIA è presente con tutte le sue territoriali all'interno di questa TASK FORCE operativa, di cui fanno parte:

Maria Teresa SASSANO ­– Confindustria Pugli­a

Giorgio GIANGRECO – C­onfindustria Lecce

Patrizia DEL GIUDICE ­– Confindustria Bari-­Bat

Daniela BARRECA – Con­findustria Brindisi

Maria Pia LIGUORI – C­onfindustria Foggia

Luigi DE FILIPPIS – C­onfindustria Taranto


NUNZIANTE PIEMONTESE FUMARULO “IL REINSERIMENTO E’ UNA SFIDA CULTURALE” SPORT IN CARCERE PER 400 DETENUTI

Si replica per il secondo anno. Dopo i risultati positivi ottenuti nel 2015 nei due istituti carcerari pugliesi (Bari e Taranto), nel 2016 il progetto del Coni e del Ministero della Giustizia “Sport in carcere” si espande e coinvolge 400 detenuti in sei istituti carcerari (Bari, Turi, Trani, Taranto, Foggia e Lecce) con l’obiettivo di migliorare la condizione carceraria e il trattamento dei detenuti attraverso la pratica e la formazione sportiva.

 

Il progetto “Sport in Carcere” è stato presentato questa mattina in una conferenza stampa, svoltasi presso la sala stampa della Presidenza della Regione Puglia, da Antonio Nunziante, vicepresidente della Giunta regionale, Raffaele Piemontese, assessore allo Sport della Regione Puglia, Stefano Fumarulo, dirigente della Sezione Sicurezza del cittadino, Politiche migratorie ed antimafia sociale della Regione, Elio Sannicandro, presidente del Coni Puglia e Rosa Musicco, rappresentante del provveditorato regionale del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria.

 

“Questa iniziativa – ha detto il vicepresidente Nunziante – è molto importante per noi. Il Presidente Emiliano ha voluto creare, sin dall’inizio del suo insediamento, la Sezione Sicurezza del cittadino anche per aiutare chi ha sbagliato. A loro, dobbiamo dare la possibilità del reinserimento sociale. E lo sport può essere di grande aiuto e diventare uno strumento essenziale. Il reinserimento sociale di chi ha sbagliato è molto importante ed è anche una sfida culturale. Noi dobbiamo lavorare per una sempre maggiore umanizzazione della politica verso la società. Sport in carcere si coniuga alla perfezione con Red, il Reddito di dignità, uno strumento pensato proprio per essere vicini ai cittadini”.

 

Per l’assessore Piemontese “questo è un progetto importante perchè riusciamo a migliorare la condizione carceraria attraverso la pratica sportiva”.

 

 

 

 

 

 

 

“La collaborazione con il Coni e con questo progetto – ha continuato Piemontese - è quanto mai opportuna. Attraverso la pratica sportiva, si impara quanto sia importante il rispetto delle regole. Ma si impara anche ad avere rispetto per il proprio corpo. Per i carcerati è importante riscoprire questo. Con il finanziamento dell’attività motoria riusciamo a garantire una qualità della vita migliore. Nella condizione carceraria quindi il rispetto delle regole e il rispetto del proprio corpo sono due aspetti che aiutano i detenuti, una volta fuori dal carcere, a meglio reinserirsi nella società. Noi continueremo – ha concluso Piemontese - a sostenere questa iniziativa”.

 

“Dare continuità al progetto è fondamentale” per Stefano Fumarulo, dirigente della Sezione Sicurezza del cittadino, Politiche migratorie ed antimafia sociale della Regione Puglia.

 

“La Puglia sta dimostrando – ha sottolineato Fumarulo - di essere in grado di fare politiche intelligenti di investimento, con risorse limitate. E questo grazie alla sensibilità di chi all’interno dell’amministrazione penitenziaria gestisce e governa un mondo difficile da governare e grazie alla sensibilità di altre istituzioni come il Coni. Quando si lavora nelle strutture carcerarie lo si fa perché si vuole investire. Credo che le buone pratiche pugliesi siano mature a sufficienza per essere esportate e incrociate con altre esperienze”.

 

Le attività sportive realizzate finora dunque hanno avuto un impatto positivo sia per le strutture che per la popolazione carceraria.

 

“Da alcuni anni lo sport guadagna spazio nelle carceri, anche pugliesi – ha sottolineato Elio Sannicandro presidente del Coni - con progetti che, partendo dall’attività motoria, si allargano fino a ricomprendere temi come salute, educazione, igiene, legalità, fornendo un contributo in chiave di socializzazione e rieducazione. Non a caso lo scorso anno è stato sottoscritto un protocollo, che struttura gli interventi, tra Coni e Ministero di Giustizia, protocollo replicato a livello regionale tra Coni Puglia e provveditorato regionale del Ministero”.

 

“Proprio in virtù di questi risultati – ha concluso Rosa Musicco, rappresentante del provveditorato regionale del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria - è stato siglato, il 7 novembre scorso, un protocollo d’intesa che tenta di portare a sistema la pratica sportiva negli istituti con una programmazione che esca dalla logica della estemporaneità e della occasionalità”.

 

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il garante dei detenuti, Pietro Rossi, la presidentessa dell’associazione “Carcere possibile” Virginia Castellaneta e i direttori e rappresentanti delle carceri coinvolte.

 

 

 

Ecco Il dettaglio degli interventi:

 

CASA CIRCONDARIALE BARI

 

Tipo di attività proposte

Il progetto denominato "EDUSport", organizzato dal Coni in collaborazione con l’Associazione onlus “Il Carcere Possibile” è finalizzato a promuovere percorsi di recupero sociale del detenuto attraverso l'attività sportiva.

L’attività è prevalentemente di Ginnastica generale e si sviluppa su 4 giorni a settimana per 2 ore al giorno.

Sono coinvolti circa 50 detenuti.

 

Luoghi di svolgimento: Camminamenti e aule; piccole attrezzature sportive

Date: Dal 24 ottobre al 23 dicembre 2016

Esperti individuati per la realizzazione delle attività: 3 laureati in Scienze Motorie: Nicola Russo, Rodolfo Guastamacchia, Antonio Zaccheo

Responsabili di progetto: Giancarlo Partipilo, delegato Coni Point Bari; Luigi Alfredo Grieco, dipendente Coni; Virgina Ambruosi in Castellaneta, Presidente Delegazione “G. Castellaneta – Il Carcere Possibile”

Responsabili del Carcere: Lidia De Leonardis, Direttrice; Tommaso Minervini, Responsabile Area Pedagogica

 

 

CASA RECLUSIONE TURI

 

Tipo di attività proposte: Il progetto denominato "EDUSport" è finalizzato a promuovere percorsi di recupero sociale del detenuto attraverso l'attività sportiva. L’attività è prevalentemente di rieducazione funzionale e si sviluppa su 4 giorni a settimana per 2 ore al giorno.

Sono coinvolti circa 50 detenuti.

Luoghi di svolgimento: Palestra attrezzata con tapis roulant, cyclette e macchine multifunzione

Date: Dal 24 ottobre al 23 dicembre 2016

Esperti individuati per la realizzazione delle attività: Nicola Russo, Rodolfo Guastamacchia, Antonio Zaccheo (laureati in Scienze motorie)

Responsabili di progetto: Giancarlo Partipilo, delegato Coni Point Bari; Luigi Alfredo Grieco, dipendente Coni; Virgina Ambruosi in Castellaneta, Presidente Delegazione “G. Castellaneta – Il Carcere Possibile”

Responsabili del Carcere: Mariateresa Susca, Direttrice; Valentina Meo Evoli, Direttrice i.m.

 

CASA RECLUSIONE TRANI

Tipo di attività proposte: Il progetto è finalizzato a promuovere il recupero sociale del detenuto attraverso la pratica sportiva. L’attività prevede calcio, basket, volley e tennis per le sezioni maschili e yoga e fitness per le sezioni femminili.

È previsto il coinvolgimento di 200 detenuti.

Luoghi di svolgimento: Casa reclusione Trani

Data inizio e fine progetto: Dal 10 Ottobre al 23 Dicembre 2016

Esperti individuati per la realizzazione delle attività: Giuseppe Pinto, Vincenzo Quarto, Antonio Musti (Figc), Angelo Lorusso (volley), Pasquale Palmitessa (basket), Giovanni Franco e Marco Costa (Tennis), Nicoletta Prodon (fitness), Rosa Convertini (yoga), Pietro Corcella (coord. Tecnico)

Responsabili di progetto: Isidoro Alvisi, Delegato Coni Point Bat;Marcello De Gennaro, dipendente Coni

Responsabili del Carcere: Bruna Piarulli, Direttrice

 

CASA CIRCONDARIALE TARANTO

Tipo di attività proposte: Il progetto denominato “Reinserimento attraverso lo Sport” è finalizzato a promuovere percorsi di recupero sociale del detenuto attraverso l’attività sportiva. Il progetto prevede che il gruppo di detenuti individuato svolga allenamenti all’interno della Casa circondariale sotto la guida di tre tecnici Fitet in vista di un torneo finale che coinvolgerà anche rappresentative delle forze dell’ordine.

Sono coinvolti 14 detenuti.

Luoghi di svolgimento: Sala attrezzata tennistavolo all’interno della Casa circondariale

Data inizio e fine progetto: Dal 21 Ottobre al 23 Dicembre 2016

Esperti individuati per la realizzazione delle attività: Pasquale Catapano, Antonio Marossi, Francesco Marangio (Tecnici Fitet)

Responsabili di progetto: Giuseppe Graniglia, Delegato Coni Point Taranto; Michelangelo Giusti, Vice delegato Coni Point Taranto

Responsabili del Carcere: Stefania Baldassarri, Direttrice

 

CASA CIRCONDARIALE FOGGIA

Tipo di attività proposte: Il progetto prevede ginnastica generale per benessere.

Sono coinvolti circa 40 detenuti.

Luoghi di svolgimento: Spazi Casa circondariale

Date: Dal 14 novembre al 23 dicembre 2016

Esperti individuati per la realizzazione delle attività: Arturo Russo, Carlo Calabrese (laureati in Scienze motorie).

Responsabili di progetto: Domenico Di Molfetta, Delegato Coni Point Foggia; Francesca Rondinone, referente Coni di progetto

Responsabili del Carcere: Maria Consiglia Affatato, Direttrice

 

CASA CIRCONDARIALE LECCE

Tipo di attività proposte: Il progetto denominato “Sport Oltre” si prefigge di fornire un’opportunità di recupero sociale dei detenuti attraverso il loro coinvolgimento nella realizzazione di attività sportive socializzanti, volte all’integrazione di un segmento della vita carceraria con il mondo esterno.

È previsto il coinvolgimento di 50 detenuti.

Luoghi di svolgimento: Spazi Casa circondariale

Data inizio e fine progetto: Dal 21 novembre al 23 dicembre 2016

Esperti individuati per la realizzazione delle attività: Daniela Maggi, tecnico Fipav; Luigi Renis, tecnico Fidal

Responsabili di progetto: Antonio Pascali, Delegato Coni Point Lecce

Responsabili del Carcere: Rita Monica Russo, Direttrice;Giuseppe Rena, Vice direttore

 

 


CAPONE SU ESITO ELEZIONE USA "STATI UNITI PRIMO PARTNER PER LA PUGLIA. AUSPICHIAMO IL PROSIEGUO DELLE RELAZIONI"

"Gli Stati Uniti sono il primo partner della Puglia nelle esportazioni con una crescita importante sia nel 2015 (+40,5%) che nel 2016 (+13,7%). Difficile capire cosa succederà con la nuova presidenza Usa. La politica protezionistica annunciata da Donald Trump certo non gioverebbe né alla Puglia né al mondo, ma di certo danneggerebbe anche gli Stati Uniti".

L'ha detto l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, a margine del Roadshow per l'internazionalizzazione "Italia per le imprese. Con le Pmi verso i mercati esteri" organizzato da Ice Agenzia con Sace e Simest che si sta svolgendo a Bari presso Villa Romanazzi Carducci.

"La prima voce nelle esportazioni pugliesi verso gli Usa – ha spiegato Capone - è rappresentata da prodotti del settore aerospaziale che valgono da soli più del 50% dell’intero fatturato export con un valore assoluto di oltre 219 milioni di euro".

E sono rilevanti gli investimenti statunitensi movimentati dalle politiche regionali nella nuova programmazione: ammontano a 101 milioni di euro.

"Stanno investendo in Puglia – ha concluso Capone - tre società americane: GE Avio (95,4 milioni di euro totali) e altre due società Usa: Experis Srl ed Sm Optics Srl, la prima investe più di 4,5 milioni di euro e la seconda più di 1,3 milioni. Il progetto di entrambe riguarda

nuove tecnologie applicate alle reti ottiche a banda ultralarga. Una collaborazione importante che ci auguriamo possa continuare nell'interesse dell'Italia e degli Usa".

Di seguito una scheda sulle relazioni commerciali tra Puglia e Stati Uniti e gli investimenti movimentati dalle politiche regionali

Le relazioni commerciali Puglia-Stati Uniti

I rapporti commerciali rappresentano uno dei pilastri delle relazioni tra Italia e Stati Uniti. In una storia di pluridecennale amicizia sono proprio gli Usa il primo Paese in cui l’Italia vanta il suo maggiore surplus commerciale e oggi costituiscono il terzo partner nell’export nazionale sia nel 2015 che nei primi sei mesi del 2016.
Uno scenario tanto più vero per la Puglia, dove il trend è persino migliore di quello nazionale.
Gli Stati Uniti sono infatti nei primi sei mesi del 2016 al primo posto tra i partner della Puglia nelle esportazioni (erano terzi nel 2015), seguiti da Svizzera, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito.
Nel 2015 la Puglia ha esportato in questo Paese beni per più di 783 milioni di euro con una crescita di ben 40,5 punti percentuali, contro il 27,4% in più dell’Italia.
Il trend in ascesa per la Puglia si registra anche nel primi sei mesi del 2016 con un aumento del fatturato export del 13,7%, mentre il dato a livello nazionale è in leggera riduzione (-0,4%).
In termini assoluti la Puglia ha già esportato verso gli Usa merci per 435,8 milioni di euro che rappresentano più dell’11% di tutto il fatturato export del primo semestre del 2016 (oltre 3,8 miliardi di euro).
La Puglia esporta negli Usa principalmente prodotti del settore aerospaziale (“aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi”) che valgono da soli più del 50% dell’intero fatturato export con un valore assoluto di oltre 219 milioni di euro; seguono i motori, generatori e trasformatori elettrici (più di 26 milioni), i medicinali e preparati farmaceutici (più di 25 milioni), le macchine di impiego generale (quasi 23 milioni), i mobili (più di 17 milioni di euro).
A livello nazionale la prima voce nelle esportazioni del 2016 (primi sei mesi) è rappresentata dagli autoveicoli (oltre 2,2 miliardi), seguono navi e imbarcazioni, (quasi 922 milioni), macchine di impiego generale (più di 1,1 miliardi), altre macchine per impieghi speciali (oltre 864 milioni) e bevande (quasi 825 milioni di euro). - Fonte Ice Agenzia

Gli investimenti movimentati dalle politiche regionali

Gli ottimi rapporti tra la Puglia e gli Usa soprattutto nel settore aerospaziale sono frutto anche delle politiche regionali che hanno movimentato rilevanti investimenti settoriali da parte di diverse

 

multinazionali italiane ed estere, sia nella vecchia programmazione (per 250 milioni di euro) che nella nuova (per 147,7 milioni).
Con il nuovo ciclo di programmazione stanno investendo in Puglia tre società americane.
- GE Avio, che opera nel settore aerospaziale, realizzerà due progetti per 95,4 milioni di euro totali, uno a Bari interamente dedicato alla ricerca (per oltre 30,2 milioni di euro), riguarda il controllo di futuri propulsori aeronautici avanzati da impiegare anche per i droni; l’altro a Brindisi (del valore di oltre 65,2 milioni di euro), è dedicato alla realizzazione di celle di lavorazione completamente automatizzate per la produzione di turbine a bassa pressione con componenti ad elevato contenuto tecnologico. Sempre a Brindisi saranno realizzati anche impianti per tecnologie innovative di riparazione di motori aerospaziali. Entrambi i progetti sono stati approvati dalla Giunta regionale.
Sono stati proposti investimenti (non ancora ammessi) anche da altre due società statunitensi: Experis Srl ed Sm Optics Srl, la prima investe più di 4,5 milioni di euro e la seconda più di 1,3 milioni. Il progetto di entrambe riguarda nuove tecnologie applicate alle reti ottiche a banda ultralarga.
Con questi ultimi due progetti la domanda di investimenti di imprese statunitensi in Puglia nel ciclo 2014-2020 sale ad oltre 101 milioni di euro. - Fonte Puglia Sviluppo Spa

 

 


Red: ecco come contribuire all'inclusione sociale

Con la Legge Regionale n° 3 del 2016, è stata istituita una misura di prevenzione e contrasto delle povertà e dell’esclusione sociale denominata “Reddito di Dignità”. Il ReD è uno strumento di contrasto alla povertà assoluta e insieme di supporto a un percorso più ampio di inclusione sociale e di accesso a nuove opportunità di inserimento socio lavorativo.

Le imprese possono presentare manifestazione di interesse ad ospitare progetti di tirocinio per l’inclusione, a costo zero, in cui impiegare i beneficiari di ReD. Per accedere alla procedura è necessario registrarsi come utente della piattaforma www.sistema.puglia.it e accedere al form on-line per la compilazione della manifestazione e la presentazione del progetto di tirocinio.

LIMITI SUL NUMERO DI BENEFICIARI DA OSPITARE:

- un tirocinante per le ditte individuali e per ogni soggetto che abbia fino a tre dipendenti;

- un tirocinante ogni tre dipendenti per ogni soggetto che abbia da quattro a 21 dipendenti;

- Fino al 20% dei dipendenti per i soggetti che abbiano più di 21 dipendenti.

 

LA DURATA DEGLI INTERVENTI:

Non superiore a 12 mesi. La durata minima non può, comunque, essere inferiore a quattro mesi. In ogni caso la durata sarà stabilita, in accordo tra le parti, in sede di sottoscrizione della convenzione tra soggetto promotore e soggetto ospitante.  

Si tratta di una procedura “a sportello”, dunque non vi è data di scadenza per la presentazione delle istanze.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi a Flavia Trifance 0832-316061 int. 8.

Per problemi di natura tecnica e informatica:

www.sistema.puglia.it/red - sezione supporto tecnico


La Formazione Manageriale, leva per la competitività del Pubblico e del Privato

La tavola rotonda "La formazione manageriale, leva per la competitività del pubblico e del privato" si svolgerà il 21 ottobre alle ore 17.30 presso le Officine Cantelmo a Lecce.
Si allega programma.


Produzione in forte oscillazione : -1,8% in settembre

Il Centro Studi di Confindustria rileva un calo della produzione industriale dell’1,8% in settembre su agosto, quando c’è
stato un rimbalzo dell’1,7% su luglio, comunicato oggi dall’ISTAT1.
 Nel terzo trimestre 2016 è stimato un aumento dell’attività dello 0,8% sul secondo, quando si era avuto un arretramento dello 0,2% sul primo.
 Tale andamento dell’attività è coerente con un moderato incremento del PIL nei mesi estivi, dopo la stagnazione rilevata in primavera.
 Il quarto trimestre 2016 eredita una variazione congiunturale della produzione industriale di -0,6%.
 Il rimbalzo di agosto è superiore alle stime del CSC e di consenso (-0,2%). Forti oscillazioni sono frequenti nei mesi estivi, quando i livelli di attività sono bassi e piccole differenze sui volumi prodotti determinano variazioni congiunturali anche significative. Rimbalzi di attività molto superiori alle attese sono stati rilevati in agosto anche in Germania (+2,5% verso
+1,0% previsto), Francia (+2,7 verso +0,7%) e Spagna (+1,4% verso +0,2%). 
 Le indagini qualitative condotte presso le imprese manifatturiere italiane descrivono un contesto debole e caratterizzato da estrema incertezza. Le valutazioni degli imprenditori restano prudenti. La fiducia è migliorata di 0,8 punti in settembre (dopo -1,8 punti in agosto), spinta da valutazioni più ottimistiche su ordini e livelli di produzione, mentre sono meno favorevoli le aspettative. Secondo i direttori degli acquisti (indagine Markit) in settembre è aumentata l’attività industriale, dopo avere ristagnato in agosto (PMI sulla produzione a 52,2 da 50,5); gli ordini, dopo il temporaneo arretramento nel mese precedente, sono visti in recupero a settembre (indice a 51,5 da 48,8), sospinti dai beni d’investimento.


1Tutte le variazioni mensili sono calcolate sui dati corretti per il diverso numero di giornate lavorative e destagionalizzati.


De Pasquale al G20YEA

Si è concluso a Pechino il Summit annuale del G20 Young Entrepreneurs' Alliance che quest'anno ha affrontato i temi "disruptive innovation" e "smart entrepreneurship".

Nutrita la delegazione dei Giovani Imprenditori di Confindustria, ben 38 su 400 in totale, che hanno avuto un ruolo di primo piano nella analisi e formulazione delle proposte da sottoporre al B20 e ai capi di Stato e di Governo del G20 riuniti ad Hangzhou.

Per il Gruppo Giovani di Confindustria Lecce è intervenuto Pietro De Pasquale, responsabile ICT delle aziende Minermix Srl e Comind Società Agricola Srl, il quale ha definito l’esperienza entusiasmante: “Ho avuto l’opportunità di partecipare ad un momento davvero formativo, alla scoperta, tra l’altro, della terra del
dragone. Un territorio in fermento in cui governo, istituzioni, investitori
hanno idee e progetti chiari con una programmazione governativa a lungo termine, obiettivi territoriali ad hoc e, soprattutto, finalizzati allo sviluppo del Paese. Tutela del mercato interno, facilitazioni economiche per chi investe e ben 1,5 miliardi di persone che hanno tanta voglia di crescere: sono questi i fattori ideali che attirano gli investitori e rendono un territorio appetibile, poiché caratterizzato da forti trend di crescita, stabilità, così da poter pianificare investimenti e risultati in grande scala a lungo termine”.

“Partecipare ai lavori del summit G20YEA è stato davvero importante, esaltante, costruttivo - ha continuato De Pasquale - poiché ho avuto l’opportunità di assistere ad un vero e proprio confronto sul futuro. Essere parte integrante di questo processo apre la mente e contribuisce a maturare consapevolezza e coscienza critica. Le priorità di azione indicate ai diversi governi rappresentano condizioni indispensabili, per favorire lo sviluppo imprenditoriale e rendere davvero i giovani cittadini del mondo, capaci di visioni di portata globale”.

I Giovani Imprenditori di Confindustria sottoscrivono appieno le raccomandazioni formulate insieme ai colleghi nel corso del summit G20YEA e racchiuse nel Final Communiqué, con l'auspicio che possa rappresentare una vera chiamata all’azione per i Governi a concentrare le future politiche per lo sviluppo e la crescita valorizzando a pieno il ruolo dell'imprenditorialità, e puntando a sostenere e sviluppare l'innovazione e le competenze digitali. L’obiettivo ambizioso è quello di "stimolare crescita inclusiva e lavoro". Le PMI dei paesi del G20 detengono il primato della creazione del maggior numero di posti di lavoro, impiegando più dei due terzi dei lavoratori del settore privato, e fornendo più dell'80% della crescita.

Dieci sono le raccomandazioni formulate dai GI:
1. Rendere obbligatorio l’inserimento di corsi di studio e avvio all’imprenditorialità nelle scuole primarie e secondarie.
2. Incoraggiare e sostenere la creazione di incubatori e acceleratori d’impresa in ambito universitario in partnership con il settore privato. 
3. Guidare e favori la nascita e lo sviluppo di “angel networks” e forme alternative di finanziamento per le start-up anche attraverso forme di incentivi fiscali.
4. Implementare riforme strutturali che favoriscano l’imprenditorialità snellendo e semplificando la burocrazie e alleggerendo il carico fiscale.
5. Facilitare il percorso di crescita (scale-up) delle PMI attraverso strumenti di facilitazione e incentivi fiscali.
6. Facilitare gli scambi tra paese diversi favorendo il commercio globale.
7. Istituire una piattaforma globale per il commercio elettronico (e-WTP) per semplificare e armonizzare i regolamenti e le barriere doganali favorendo il commercio globale.
8. Istituire un programma di visti per i giovani imprenditori del G20 che ne facilitino la mobilità.
9. Garantire l’accesso a infrastrutture digitali veloci, affidabili, sicure e a basso costo.
10. Costruire un nuovo dialogo tra i paesi del G20.

“I Giovani Imprenditori sono un motore di dinamismo e crescita economica - ha dichiarato il Vice Presidente nazionale Gian Giacomo Gellini – e noi ci impegneremo a che anche il nostro governo e tutti gli stakeholder creino le condizioni per un ecosistema favorevole allo sviluppo delle PMI”.
Il summit è stato ulteriormente arricchito dal contributo di preziosi contenuti scientifici forniti dai knowledge partner Ernest&Young e Accenture, focalizzati su “disruptive innovation” e Piattaforme digitali. “La collaborazione con i knowledge partner è ormai una consuetudine del G20YEA, siamo infatti consapevoli che volendo interagire ai massimi livelli della governance mondiale, le nostre proposte devono essere sempre supportate da dati e analisi scientifiche” - ha dichiarato lo sherpa italiano Nicola Altobelli, che ha anche sottoscritto a nome della delegazione italiana il Final Communiqué, già direttamente consegnato al Sottosegretario allo Sviluppo economico on. Ivan Scalfarotto negli scorsi giorni in visita istituzionale in Cina.

Grande soddisfazione espressa anche dal Presidente della delegazione Luca Donelli, che ha anche partecipato ai lavori del B20, per il ruolo sempre più di rilievo che il G20YEA sta assumendo, “lo scorso anno ad Istanbul – ha dischiarato – avevamo sottoscritto un Final Communiqué che richiedeva ai governi di impegnarsi nella sottoscrizione di un programma per la digitalizzazione. Oggi di ritorno dalla Cina apprendiamo del piano Italia 4.0 ormai prossimo alla pubblicazione! È davvero entusiasmante percepire la possibilità di incidere sulla realtà che ci circonda attraverso strumenti di business diplomacy e governance internazionale. Siamo pronti a continuare a fare la nostra parte attraverso la partecipazione attiva e preparata a fora come il B20 e la G20 YEA!”

Il viaggio dei Giovani Imprenditori di Confindustria in Cina ha visto anche una prima tappa di 3 giorni a Shanghai con il supporto di SIMEST e la qualificata partecipazione dell'amministratore delegato Andrea Novelli, oltre che la collaborazione con il MIP Politecnico di Milano - Graduate School of Business, partner scientifico dell’iniziativa. I Giovani Imprenditori hanno avuto la possibilità di scoprire una Cina ben diversa dagli stereotipi, che ha virato decisamente verso la modernità, lasciando ad altre economie asiatiche il ruolo di “fabbrica del mondo”, puntando invece a nuovo modello di sviluppo più sostenibile e virtuoso in cui il digitale e le nuove tecnologie sono messe in primissimo piano. Diverse le realtà imprenditoriali visitate, sia italiane ormai radicate sul territorio come Magneti-Marelli, Marchesi Group e Ferrero, sia frutto di partnership internazionali come Mirotek, che realtà locali come Jala Group.


A UNISALENTO LA XXVIII CONFERENZA ANNUALE DELLA “SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA PUBBLICA” (SIEP) SUL TEMA DELLA DISEGUAGLIANZA

Il 22 e 23 settembre 2016 il Dipartimento di Scienze dell’Economia e la Facoltà di Economia dell’Università del Salento ospiteranno la XXVIII conferenza annuale della Società Italiana di Economia Pubblica (SIEP), che riunisce gli studiosi che si occupano, appunto, di finanza pubblica, disciplina che ha tra i suoi padri fondatori lo studioso salentino Antonio de Viti de Marco (al quale è intitolata la Facoltà di Economia). Nel corso della conferenza si discuterà di diseguaglianza, cercando di individuare le forme di intervento pubblico più efficaci per contrastarla. Interverranno studiosi provenienti dalle principali università italiane ed europee e da organizzazioni internazionali, come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale. Saranno presentati i risultati delle ricerche più recenti sulle cause dell’aumento della disuguaglianza e della povertà registrati negli ultimi anni in molti Paesi industrializzati, compresa l’Italia, sulle conseguenze che essa ha sull’economia e la società e sugli strumenti che possono essere messi in campo per combatterla. Per la prima volta in programma nel Mezzogiorno, l’evento è sostenuto anche dalla Fondazione Puglia, dal Comune di Uggiano la Chiesa e dalla Masseria Li Veli.

Leggi tutto: A UNISALENTO LA XXVIII CONFERENZA ANNUALE DELLA “SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA PUBBLICA” (SIEP)...


Terremoto Centro Italia: prime attività del Sistema Protezione Civile Puglia

Per chiunque volesse a dare un contributo economico alle popolazioni colpite dal sisma nel Centro Italia, il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile ha attivato il numero solidale 45500 (per info si può consultare il sito del DPC).

Le persone interessate a dare un sostegno attivo, mettendo a disposizione le proprie competenze professionali (medici, infermieri, soccorritori), possono inviare i propri dati alla Sala Operativa della Protezione Civile Puglia all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Al momento infatti il Comitato Operativo della Protezione Civile Nazionale è impegnato nel coordinamento della prima fase di soccorso in cui la priorità è salvare vite umane, e ha comunicato che ulteriori contributi si renderanno necessari nella seconda fase, quella di assistenza alla popolazione.

Nel frattempo dalla Puglia sono partite quattro unità cinofile di due associazioni di volontariato di protezione civile per la ricerca di persone scomparse, e si sta predisponendo l’invio di tre funzionari della Sezione Protezione Civile regionale per dare un supporto ai centri operativi di coordinamento. Anche la Colonna Mobile regionale è pronta per la partenza verso i luoghi colpiti dal sisma.

 

 


TERREMOTO: BOCCIA, CONFINDUSTRIA PRONTA A GARANTIRE TUTTO SUPPORTO NECESSARIO

"Voglio esprimere la vicinanza di Confindustria a tutti gli abitanti, ai colleghi industriali e ai lavoratori che in queste ore stanno vivendo con grande coraggio un momento drammatico”, così il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia sul terremoto che questa notte ha devastato molti comuni del Lazio, dell’Umbria e delle Marche. ”Siamo ancora a bilanci e accertamenti purtroppo provvisori: oggi si deve affrontare l’emergenza e salvare quante più vite sarà possibile. Confindustria – aggiunge il presidente – è pronta a fare tempestivamente la sua parte, d'intesa con tutte le organizzazioni territoriali coinvolte, garantendo alle istituzioni, agli imprenditori e ai lavoratori il necessario supporto per affrontare l'emergenza e la ripresa delle attività produttive. Come sempre in queste tragiche circostanze, conclude Boccia, Confindustria è da subito impegnata a lanciare una raccolta fondi per essere concretamente vicina alle popolazioni colpite".

Certi del tuo valore. E tu?

In allegato il manifesto della Fondazione ITS IOTA Sviluppo Puglia per la presentazione dei corsi biennali di alta specializzazione in:

- Tecnico superiore per la gestione delle aziende ristorative e per il marketing delle produzioni tipiche e della cultura del gusto;

- Tecnico superiore per la gestione e il management di strutture e servizi dell'offerta turistico-ricettiva.

La domanda di ammissione ai corsi è online al seguente link:

www.itsturismopuglia.gov.it

#ITSTourismYourFuture

FERROVIE SUD EST AVVIANO SPERIMENTAZIONE TRENI DOMENICA PER IL MARE

A seguito dalla crescita dei flussi turistici in Puglia, l’assessorato ai trasporti della Regione Puglia ha, negli anni, incoraggiato e finanziato iniziative volte all’ampliamento dell’offerta di mobilità del trasporto pubblico regionale nel periodo estivo anche in relazione ai collegamenti da e verso gli aeroporti pugliesi (ad esempio, PugliAirbus, Gargano Easy to Reach, Salento in Bus) .

Leggi tutto: FERROVIE SUD EST AVVIANO SPERIMENTAZIONE TRENI DOMENICA PER IL MARE

La Regione Puglia al Farnborough International Airshow

La Regione Puglia potenzia la strategia aerospaziale promuovendo l’attrattività del proprio territorio nel Regno Unito. Da oggi è a Farborough (Gran Bretagna) per l’International Airshow, la principale manifestazione internazionale dedicata all’aerospazio, che si svolge dall’11 al 17 luglio 2016.

Leggi tutto: La Regione Puglia al Farnborough International Airshow

CAPONE: APPROVATO DA GIUNTA DDL SU CATASTO ENERGETICO

Approvato dalla giunta regionale il disegno di legge che istituisce il “Catasto energetico regionale”. Cuore della proposta di legge la riduzione dei consumi di energia attraverso il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici esistenti e di nuova costruzione. La nuova norma istituisce il catasto regionale degli Impianti termici e il catasto regionale degli Attestati di prestazione energetica (Ape) e fissa i principi per lo svolgimento delle attività di controllo sul funzionamento degli impianti termici e sugli attestati di prestazione energetica degli edifici.

Leggi tutto: CAPONE: APPROVATO DA GIUNTA DDL SU CATASTO ENERGETICO

COPYRIGHT © 2020. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com