Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata
.: RSS di Economia - ANSA.it:.  Tim: Gubitosi si fa da parte, Labriola nuovo dg Cda fiume, sul tavolo anche conti e strategie    |    Tonfo di Wall Street, venerdì nero nel Black Friday Dow Jones -2,5% e Nasdaq -2,2%, mai così male dal 1950    |    Embraco: Whirlpool e curatela chiedono il concordato Uilm, epilogo negativo non sarebbe dovuto accadere    |    Spread Btp-Bund: chiude stabile a 131 punti Rendimento del prodotto del Tesoro allo 0,97%    |    Borsa: venerdì nero, Europa 'brucia' 390 miliardi Indice Stoxx 600 dei titoli principali perde il 3,7%    |    Borsa: Milano (-4,6%) chiude in crollo con Europa Pesa nuova variante Covid e collasso prezzi prodotti energia    |    Borsa: Milano torna ai minimi giornata, -4% Sui mercati oltre a nuova variante Covid pesa crollo petrolio    |    Spread: si avvicina a chiusura a 130 punti base Rendimento del prodotto del Tesoro allo 0,97%    |    Petrolio affonda a Wall Street, a 71,18 dollari Quotazioni perdono il 9,17%    |    Borsa: Wall Street peggiora, Dj -2,70%, Nasdaq -1,68% S 500 perde il 2,04%    |    Petrolio peggiora a New York, -7,9% a 72,21 dollari Sui timori della nuova variante per il Covid    |    Pfizer e Zoom in controtendenza in Borsa Per la piattaforma impennata del 13%, la casa dei vaccini fa +7%    |    Wall Street apre in calo, Dj -2,17%, Nasdaq -1,10% S 500 perde l'1,44%    |    Borsa: Milano in caduta (-3,3%) con Europa dopo Wall street Sui minimi della giornata, cedono Unicredit e Tenaris    |    Lancia festeggia i 60 anni della Flaminia Presidenziale Nella cornice del Palazzo del Quirinale    |    Sider Alloys: via libera Regione Sardegna riavvio produzione Ex stabilimento Alcoa di Portovesme era chiuso dal 2012    |    Carige: respinta richiesta danni per 480 mln dei Malacalza Respinte anche richieste piccoli azionisti e dei soci risparmio    |    La nuova Irpef costa meno in 2022, pressing per destinare i fondi alle bollette Marattin, mercoledì delega fiscale in commissione alla Camera, ipotesi 3 aliquote    |    Tim: Colao, seguiamo vicenda, abbiamo a cuore sicurezza rete 'E anche i piani di sviluppo banda larga e 5G'    |    Tav: apre cantiere per scavo 23 chilometri di maxitunnel In Francia, frese in azione da metà 2022    |    Recovery: Francia chiede primo pagamento da 7,4 miliardi a Ue E' il secondo Paese dopo la Spagna, a netto del prefinanziamento    |    Petrolio: prosegue calo, timori variante Sud Africa, Wti -6% Azzerata la rimonta di ottobre, pesano anche gas e metalli    |    Borsa Europa sotto tiro della nuova variante covid, Milano -3% Listini temono nuova variante covid. Negli Usa future in calo    |    Bankitalia: impatto positivo inatteso Covid sul gettito Iva Con meno spesa per servizi e aumento pagamenti elettronici    |    Rfi: ok aggiornamento contratto, altri 31,7 mld investimenti Giovannini, si passa a fase operativa allocazione per opere Pnrr    |    Borsa: nuova variante covid affonda l'Europa, Milano -2,9% A Wall Street future in forte calo.Crolla il prezzo del petrolio    |    La nuova variante covid affonda in Borsa le compagnia aeree e turismo In Europa scivola anche il lusso. Lufthansa -9%    |    Acea: nel 2020 3,1 miliardi l'impatto su ambiente e Pil Ambrosetti, con rinnovabili evitate 210.000 tonnellate di CO2    |    Borsa: Europa scivola ancora, torna la paura per il covid Forte calo per energia e banche    |    Futuro demografico in crisi, 58 milioni nel 2030 Oltre 10 milioni in meno in 50 anni. Nel 2048 i decessi potrebbero doppiare le nascite    |    Borsa:Milano prosegue pesante con Europa, soffrono le banche Tim in rialzo vicina a proposta Kkr, sale spread Btp-Bund    |    Visco,aumento contagi sposta avanti uscita post-covid Ripresa a ritmo migliore delle attese, ma elevata incertezza    |    E' il black friday, shopping per metà italiani Secondo un'indagine di Confcommercio, il 34,9% si dichiara ancora indeciso ed il 12% non acquisterà    |    Borsa:la nuova variante virus spaventa mercati, giù petrolio Scende il prezzo del gas. Euro in rialzo sul dollaro    |    Nuova variante Covid affonda le borse, Milano chiude a -4,6% Venerdì nero, il petrolio scende sotto quota 70 dollari    |    Borsa:Europa apre in profondo rosso,fa paura variante virus Francoforte (-3,36%), Parigi (-3,69%), Londra (-2,1%)    |    Borsa: a Milano banche in profondo rosso, Mps non fa prezzo Unicredit (-7%). A Piazza Affari Diansori unico titolo in rialzo    |    Borsa: Milano apre in forte calo (-2,94%) Indice Ftse Mib a 26.303 punti    |    Effetto Covid, il petrolio scende sotto quota 75 dollari Wti torna ai livelli dello di luglio, azzerata corsa d'autunno    |    Antitrust: multa da 20 milioni a Google e Apple Protestano le societaà, decisione sbagliata, faremo ricorso    |    Spread tra Btp e Bund apre in calo a 125 punti Il rendimento del decennale italiano scende all'1%%    |    Borsa: Asia chiude in calo, timori per nuova variante virus Male Tokyo (-2,5%) e Hong Kong (-2,3%), yen sale sul dollaro    |    Cambi: euro poco mosso sul dollaro a 1,1246 Su yen in calo a 128,63    |    Petrolio: quotazioni in calo, Wti a 75,64 dollari al barile Brent scende a 79,90 dollari    |    Oro: prezzo sale a 1.801 dollari l'oncia In rialzo dello 0,59%    |    Borsa Tokyo giù del 3% su timori nuova variante Covid Tonfo dell'indice Nikkei nella sessione pomeridiana    |    Borsa: a Tokyo apertura in calo (-0,65%) Cambi: yen torna ad apprezzarsi su dollaro ed euro    |   

Piernicola Leone de Castris interviene su assoluzione dei vertici di Tessiltech

 

“Confindustria Lecce esprime massima soddisfazione per l’assoluzione in primo grado dei vertici e collaboratori della Tessiltech di Casarano, dall’accusa di truffa, con la formula ‘che il fatto non sussiste’. Allo stesso tempo, l’Associazione manifesta solidarietà agli imprenditori, come uomini e professionisti, che per cinque anni hanno dovuto difendere la loro posizione e ai quali augura di poter presto riprendere l’attività, riportando l’azienda a risultati più che positivi, a beneficio di tutto il territorio”.

Ad affermarlo è il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris, che continua: “Una sentenza che dà giustizia all’impresa, ma che, ancora una volta, deve far riflettere: i tempi lunghi della giustizia, indicati da Confindustria come una delle principali cause che contribuiscono a scoraggiare gli investimenti esteri, rischiano di determinare la cancellazione di anni di lavoro di imprenditori e maestranze, frenando ulteriormente la corsa verso la ripresa.

Sono sotto gli occhi di tutti una serie di esempi in tal senso che stanno aggiungendo, ora dopo ora, un mattone in più verso il collasso del sistema”.

 

“Confindustria Lecce – continua Leone de Castris – ripone massima fiducia nell’operato di Forze dell’Ordine e Magistratura, con le quali si schiera per la difesa del territorio e per la valorizzazione dell’impresa sana e legale. Tuttavia, soprattutto in questa fase, è auspicabile, come ribadito mercoledì dal presidente Squinzi, una ‘terapia d’urto’ per il nostro sistema economico. E’ urgente che il nuovo Governo proceda, tra le altre, anche alla riforma della Giustizia, incidendo su tempi ed efficienza della stessa. E’ una priorità non più rinviabile al pari di fisco, credito, infrastrutture, energia e riforma del lavoro”.


Il progetto CONFINDUSTRIA per l’ITALIA: crescere si può, si deve

In allegato il documento con le priorità per crescere presentato dal presidente di Confindustria Squinzi, ieri in conferenza stampa, unitamente alla sintesi.


PIANO CITTA’. LA SODDISFAZIONE DI ANCE LECCE PER IL RISULTATO CONSEGUITO

Esprimo grande soddisfazione perché la proposta del Comune di Lecce per il Piano Città Nazionale è stata premiata dalla Cabina di regia presso il Ministero delle Infrastrutture e potrà godere di un primo finanziamento di otto milioni di euro.

E’ stata riconosciuta, con il positivo esito della valutazione, la capacità del Comune di Lecce di produrre progettualità e di indirizzare sforzi ed energie per concorrere a Programmi per il rilancio urbano.

La proposta, che ha la sua ossatura nella realizzazione della Città dell’Arte e della Musica (progettata dall’archistar portoghese Siza), nella riqualificazione della stazione ferroviaria e nella valorizzazione delle mura della città antica, mi auguro che diventi quanto prima cantiere, attuando così, con la dovuta attenzione all’accelerazione ed alla qualità dei procedimenti, costruzione di opere di cui la città ha bisogno.

Politiche ed iniziative di rigenerazione urbana possono dunque diventare occasione importante, per un vantaggio concreto nell’economia e nell’occupazione del nostro territorio. 


Gianni Cantele, presidente Coldiretti Puglia

"Esprimo i miei più vivi complimenti ed auguri a Gianni Cantele per la prestigiosa nomina a Presidente della Coldiretti di Puglia.

Un risultato che premia la professionalità, l'impegno e l’attenzione dimostrati in anni di lavoro per la qualità dei vitigni salentini".

 Ad affermarlo è il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris che continua: "Sono certo che il presidente Cantele saprà portare avanti con entusiasmo le istanze territoriali e farsi interprete della valorizzazione delle peculiarità dell’agricoltura salentina. Rinnovando gli auspici per questa nuova esperienza, confermo la disponibilità mia personale e di Confindustria Lecce, che mi onoro di presiedere, per eventuali proficue collaborazioni".


2013. Portaci fortuna, con un sguardo rivolto al futuro

di Piernicola Leone de Castris

Presidente Confindustria Lecce

 

L’infausta previsione dei Maia non si è avverata: al di là delle facili e scaramantiche battute, state leggendo questo editoriale. La famigerata data del 21 dicembre 2012 è passata lasciandoci indenni. Ciò porta comunque ad una considerazione.

I Maia, grandi conoscitori dei misteri dell’universo, avevano predetto un evento catastrofico per rappresentare, forse, il cambiamento epocale a cui stiamo assistendo e che, speriamo, veda il suo acme in questo dicembre.

Come imprenditore, sono ottimista! Ottimista per natura e per convinzione. Pertanto, mi piace credere che il 2013, a dispetto del numero, sia un anno di rinascita e riconsegni il Paese al lavoro, alle imprese, ai cittadini. Un anno che veda una riduzione della pressione fiscale e della spesa pubblica senza controllo, una burocrazia più efficiente; una maggiore consapevolezza che, insieme ai diritti, esistono i doveri che ognuno ha nei confronti della comunità.

E’ un auspicio che vorrei condividere con tutti i colleghi  che, ogni mattina - nonostante la crisi, la carenza di liquidità, le difficoltà di accedere al credito, le tasse, la burocrazia, la competizione internazionale - si svegliano e si attivano, pensando alla grande responsabilità che hanno nei confronti della propria famiglia, dei collaboratori e del territorio. Queste persone, ogni giorno, si rimboccano le maniche e si dedicano con passione alla propria azienda.

Nell’attuale contesto, non è facile! E, per questo, a tutti indistintamente va il mio ringraziamento, nella convinzione che, con ulteriori piccoli/grandi sforzi, già da domani potremo creare i presupposti per vivere tempi migliori.

Un abbraccio ideale e la vicinanza mia e degli associati di Confindustria voglio dedicare ad uno dei principali motori dell’economia, un grande valore delle nostre imprese: i collaboratori.

Uomini e donne che, con gli imprenditori, realizzano prodotti e servizi straordinari, che hanno reso famosa e apprezzata l’Italia nel mondo.

Un pensiero particolare va a chi, purtroppo, per la crisi di mercato, ha chiuso la propria azienda, è in cassa integrazione o è senza lavoro.

Questa crisi ha imposto grandi sacrifici, importanti rinunce, ma, spero, non tolto la voglia e il desiderio di continuare a lottare credendo nel valore delle imprese, per un futuro per sé e per i propri figli. Importante, chiaramente, in questo quadro, è stringere un rapporto più forte con le Istituzioni, le altre Associazioni di Categoria e con il Sindacato che, sono sicuro, saprà offrire occasioni per un confronto costruttivo.

Alla politica, che si appresta a giocare una delle partite più importanti per il Paese, stante l’imminenza della tornata elettorale, chiediamo grandi sforzi, al pari di quelli che tutti stanno sopportando ormai da tempo. La demagogia non serve! Ci aspettiamo senso di responsabilità e attività con prospettive reali.

Per anni, tanti, troppi hanno vissuto, incuranti  del futuro e di quanto “bene” pubblico si stesse  sperperando.

Urgono, lo sappiamo, tagli netti  agli sprechi che in Italia sono molti. Sono necessarie riforme più incisive che rendano il Paese più efficiente e competitivo, unitamente ad interventi  più concreti volti a ridurre anche i costi della politica. Per non parlare del condivisibile appello del presidente della Repubblica Napolitano, a modificare la legge elettorale, rimasto purtroppo inascoltato.

Non si vuole criticare a priori tutta la classe politica – ci sono infatti persone preparate che agiscono correttamente – ma in un periodo così delicato e difficile, i primi a dare l’esempio dovrebbero essere i nostri rappresentanti.

Gli imprenditori, lo ha recentemente ribadito nel corso dell’Assemblea di Confindustria Lecce il presidente nazionale Squinzi, hanno fatto e continueranno a fare la propria parte. 

L’imprenditoria, nonostante tutto, continua ad essere viva e vitale, pronta a cogliere e superare le sfide del futuro. Ci farebbe piacere, però, poter contare sulla condivisione, sull’appoggio ed il sostegno di tutti.

Auguri!

 


Linea blue by Angel Nardelli

ANGELO NARDELLI 1951, ti invita nello store di Lecce in via 95° Reggimento Fanteria, 21, dove potrai scoprire la nuova linea “Blue by Nardelli” a prezzi davvero vantaggiosi con abiti a partire da € 290,00


CONFINDUSTRIA: FORTE PREOCCUPAZIONE PER MISURE FINE LEGISLATURA

Confindustria esprime forte preoccupazione per l’evoluzione che sta assumendo la fine della legislatura e ribadisce il deciso convincimento che sia nell'interesse dell'Italia rafforzare la propria vocazione europea per creare crescita, occupazione e giustizia sociale.

 

Confindustria auspica, inoltre, che l’agenda economica rimanga al centro dell’attività parlamentare e di governo anche nell'ultimo scorcio della legislatura, senza ulteriori stravolgimenti che indebolirebbero la portata dei provvedimenti ancora in via di approvazione, penalizzando il sistema delle imprese.

 

È il caso delle risorse destinate alla formazione professionale dei lavoratori che, attraverso un emendamento al DDL stabilità, sarebbero destinate al finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga, anziché alla formazione. Si tratta di una scelta non condivisibile, perché in aperto contrasto con i principi che hanno ispirato la riforma del mercato del lavoro. Inoltre, l’investimento sulla formazione costituisce una leva strategica per favorire l’occupabilità delle persone e la competitività delle imprese. Confindustria pertanto auspica che il necessario finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga non avvenga a scapito della formazione professionale.

 

Sarebbe, inoltre, incoerente e inaccettabile utilizzare questo scampolo di legislatura per approvare misure che non solo non hanno alcun impatto positivo sull'economia, ma rappresentano un netto arretramento rispetto alle riforme varate negli ultimi anni. È questo il caso del disegno di legge di riforma forense.

 

L'approvazione di provvedimenti di questo tenore sarebbe irresponsabile e farebbe prevalere le ragioni elettorali sull’interesse generale del Paese, mentre sembrano disperdersi, per la conclusione anticipata della legislatura, la delega fiscale e il disegno di legge semplificazioni.


Benvenuto dicembre! I sapori della tradizione

Le Quattro Spezierie del Risorgimento Resort, Via Augusto Imperatore 19 Lecce

Venerdì 7 dicembre, ore 21

Nell’ambito della rassegna enogastronomica Salento Inedito a Tavola:

Benvenuto dicembre! I sapori della tradizione

in collaborazione con Coldiretti Lecce e Azienda Agricola Cosimo Taurino

Salento Inedito a Tavola è la rassegna enogastronomica dove la cucina d’eccellenza del ristorante Le Quattro Spezierie incontra i sapori del territorio. Le materie prime sono quelle delle aziende di Campagna Amica - Coldiretti Lecce. La serata di venerdì rispetta la tradizione e rilegge in chiave gourmet alcuni gustosi piatti tipici del menu della vigilia dell’8 dicembre. Cantina partner della cena, che chiude il programma di questa stagione di Salento Inedito a Tavola, è Azienda Agricola COSIMO TAURINO di Guagnano che presenta, in abbinamento ai piatti, le etichette I Sierri (bianco), Scaloti (rosato), Notarpanaro (rosso) e Le Ricordanze (passito). Prezzo a persona: 35 euro; info e prenotazioni: tel. 0832 246311


IL MANIFESTO DEL CONTRIBUENTE – L’illegittima alternativa: pagare o conciliare –

Premessa.
A seguito delle numerose modifiche amministrative e giudiziali – deficitarie ed inefficaci, a parere degli scriventi – operate nel settore tributario, appaiono evidenti i continui intenti limitativi del diritto di difesa dei contribuenti, che vengono messi costantemente innanzi ad un illegittimo bivio: pagare o conciliare.
A questa filosofia astringente e persecutoria, soggiacciono ormai la gran parte dei contribuenti onesti, che si vedono raggiunti da atti degli uffici dell’Amministrazione finanziaria recanti, in buona parte, pretese erariali illegittime e prive di fondamento.
Il tessuto economico-finanziario del Paese si presenta, ormai, con una grossa nube sovrastante che prende il nome di “lotta all’evasione fiscale”.
In questo contesto, spesso terroristico e poco rassicurante per la molteplicità dei contribuenti, non si può prescindere, in prim’acchito, dal fornire alla moltitudine una precisa definizione del concetto di “evasione fiscale”; non di rado, infatti, capita di essere additati come “evasori”, per il solo fatto, ad esempio, di aver ricevuto una cartella di pagamento (spesso illegittima nell’an e nel quantum).
Nelle righe che seguono, si cerca di fare chiarezza sulla manifestazione del diritto di difesa dei contribuenti, garantita costituzionalmente, ma ormai lesa e limitata dalle numerose novità legislative, che seminano solo confusione normativa ed evidenti disparità operative tra fisco e contribuenti.
Il comune denominatore, dunque, è la lotta all’evasione, che si profila come presupposto di base ai fini dell’attuazione dei principi cardini delle norme tributarie vigenti, delle leggi costituzionali, oltre che come unica garanzia di civiltà e convivenza; è giusto combattere l’evasione fiscale, ma, allo stesso tempo, bisogna consentire una corretta e piena difesa dei contribuenti, senza limitazioni giuridiche e sostanziali.
Il contribuente onesto deve, come garantito dalla Costituzione – art. 111 – potersi difendere con gli strumenti predisposti a garanzia dei suoi diritti, senza essere costretto ad operare scelte radicali prive di fondamento alcuno.

1. Modifiche organizzative: D. L. 27 giugno 2012, n. 87, art. 4, comma 6. – – recante “misure urgenti in materia di efficientamento, valorizzazione e dismissione del patrimonio pubblico, di razionalizzazione dell’amministrazione economico-finanziaria, nonché misure di rafforzamento del patrimonio delle imprese del settore bancario.” –

La modifica varata dal D.L. 27 giugno 2012, n. 87 – recante “misure urgenti in materia di efficientamento(!!), valorizzazione e dismissione del patrimonio pubblico, di razionalizzazione dell’amministrazione economico – finanziaria, nonché misure di rafforzamento del patrimonio delle imprese del settore bancario” – prevede, all’art. 4, comma 6, che: “ a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto la direzione della giustizia tributaria e la direzione comunicazione istituzionale della fiscalità sono trasferite, con il relativo assetto organizzativo e gli attuali titolari, al dipartimento dell’amministrazione generale del personale e dei servizi. La direzione comunicazione istituzionale della fiscalità assume la denominazione di direzione comunicazione istituzionale e svolge propri compiti con riferimento a tutti i compiti istituzionali del Ministero. Il dipartimento delle finanze, direzione legislazione tributaria, esercita le competenze in materia di normativa, monitoraggio e analisi del contenzioso tributario; il predetto dipartimento continua inoltre ad esercitare le competenze in materia di coordinamento della comunicazione relativa alle entrate tributarie e alla normativa fiscale”.
Il successivo art. 12 prevede che: “ il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge”.
In buona sostanza, stando al tenore della norma, tutto il personale amministrativo delle commissioni tributarie provinciali e regionali passerà dal Dipartimento delle finanze al “Dag” – Dipartimento amministrazione generale del ministero dell’economia – , una struttura che non ha niente in comune con la Direzione di giustizia tributaria, in cui i funzionari hanno costruito la storia degli uffici, incentrando in modo univoco le proprie competenze da monomandatari della giustizia tributaria.
Il processo di riforma in corso, che sembra voler assumere la struttura del TAR, denota un declassamento del settore tributario, che si vede ora accorpato ad un organismo – il Dag – che non ha mai avuto cognizione alcuna di tutto ciò che si è svolto nelle direzioni tributarie.
L’evidente intento di sminuire l’importanza della giustizia tributaria, contribuisce inevitabilmente ad un declassamento improvviso: ogni ruolo, ogni compito, ogni mansione sarà filtrato dal Ministero dell’economia, con la sola ed unica conseguenza di destrutturare, organicamente e proceduralmente, ogni esigenza, ogni funzione ed ogni significato ad una categoria, come quella tributaria, che svolge un ruolo fondamentale nella lotta all’evasione.
Il personale delle commissioni tributarie, ovviamente, ha sollevato notevoli polemiche a riguardo, anche alla luce del fatto che ad opera del D.L. 6 luglio 2011 n. 98, convertito con modif. dalla L. 15 luglio 2011 n.111, art. 37, comma 6 , è stato introdotto nel processo tributario, in un’ottica di regolamentazione delle spese di giustizia e, quindi, di efficienza del sistema giudiziario, il contributo unificato, unica fonte di sovvenzionamento della giustizia che “lotta contro l’evasione”.
Questa è l’esatta dimostrazione del fatto che , sia da un punto di vista organizzativo, che da un punto di vista gestionale, il MEF intende sminuire il valore e l’importanza della giustizia tributaria, affinché il processo di ridimensionamento delle commissioni tributarie sia predisposto e asservito sempre più al MEF stesso.
Appare, dunque, opportuno ricordare che il MEF è parte attiva del processo tributario; viene da sé, così, la palese violazione dei principi di terzietà e di imparzialità, garantiti dalla Costituzione e puntualmente violati dal “contraente più forte”.
Dirigere il Df nel Dag, significherebbe connotare di legalità il conflitto di interessi già esistente tra il fisco come parte processuale, che allo stesso tempo si troverebbe ad essere l’organizzatore della giustizia tributaria.
Non è dato sapere quale connotazione giuridica, oltre che costituzionale, possa appartenere, in re ipsa, ad una “riorganizzazione” di questo genere, ma sarebbe auspicabile che la giustizia tributaria fosse gestita da un organo terzo, imparziale, estraneo ai fatti di causa, oltre che giusto, quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri o il Ministero della Giustizia.
Infatti, ai sensi dell’art. 111 della Costituzione, il Giudice, per essere terzo ed imparziale deve anche “apparire tale”, cioè non dipendere gerarchicamente da una delle parti in causa, com’è nell’attuale normativa.

2. Modifiche procedurali – accertamento esecutivo, mediazione fiscale obbligatoria, precedenti conformi ai fini del ricorso per cassazione – .
Nel corso del 2011 e del 2012 ci sono stati numerosi interventi legislativi che hanno prodotto, e continuano a produrre, soltanto delle limitazioni al diritto di difesa dei contribuenti, creando non pochi problemi – spesso di impraticabile risoluzione – soprattutto nella fase relativa alla riscossione delle imposte.
In particolare, i nuovi istituti introdotti sono:
• Accertamento esecutivo: introdotto dal D.L. 31 maggio 2010, n. 78 - coordinato con la legge di conversione 30 luglio 2010, n. 122, art. 29; successivamente modificato (ovvero posticipato al 1 luglio 2011) dal D.L. 6 luglio 2011, n. 98, art. 30, comma 2;
• Reclamo e mediazione obbligatoria: disciplinato dall’art. 17 bis D. Lgs. 546/92, introdotto dal D.L. n. 98 del 06.07.2011 – convertito con modificazioni in L. n. 111 del 15.07.2011, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 16 luglio 2011 (manovra economica 2012-2014)– , art.. 39 commi 9 – 10 – 11;
• Inammissibilità del ricorso per Cassazione: disciplinato dall’art. 360 bis c.p.c., introdotto dalla L. 18.06.2009, n. 69, art. 47.

a. Accertamento esecutivo
Il D.L. 31.5.2010, n. 78, c.d. “Manovra correttiva 2010”, convertito dalla Legge 30.7.2010 n. 122 ha introdotto “misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica”.
In particolare, l’art. 29 del citato Decreto, rubricato “Concentrazione della riscossione nell’accertamento”, in un’ottica di “potenziamento” dell’attività di riscossione ha stabilito che a decorrere dagli atti notificati:
- a partire dall’1.7.2011 (termine successivamente prorogato al 01.10.2011);
- relativi ai periodi d’imposta in corso al 31.12.2007 e successivi;
gli avvisi di accertamento per II.DD. ed IVA emessi dall’Agenzia delle entrate ed il connesso provvedimento di irrogazione delle sanzioni dovranno contenere l’intimazione al pagamento entro il termine di presentazione del ricorso.
A seguito di tali modifiche la disciplina in esame prevede, ora, che:
- gli avvisi di accertamento emessi dall’Ufficio sono esecutivi trascorsi 60 giorni dalla notifica.
In particolare, si evidenzia che, per effetto della predetta Manovra, la nuova disciplina consentirà all’Ufficio di avviare, con una maggior rapidità, le procedure di riscossione; infatti, gli atti notificati, a partire dall’1.10.2011, oltre alla quantificazione della pretesa impositiva, devono altresì contenere l’intimazione ad adempiere all’obbligo di pagamento:
- degli importi negli stessi indicati entro il termine per la presentazione del ricorso ( sessanta giorni dalla notifica dell’avviso di accertamento); ovvero
- degli importi dovuti a titolo provvisorio ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. n. 602/1973 (i.e. un terzo delle imposte corrispondenti agli imponibili o ai maggiori imponibili accertati e dei relativi interessi) in caso di tempestiva impugnazione dell’atto.
Di non poca importanza i disagi recati dalle modifiche relative alla nuova procedura di riscossione; i contribuenti, in ogni caso, alla scadenza del primo termine previsto, dovranno comunque pagare all’erario una parte delle maggiori imposte.
Si pensi a tutti i casi in cui le pretese avanzate dall’Ufficio siano totalmente infondate e illegittime; anche in questi casi, il contribuente non avrà nessuna garanzia a fronte dell’illegittimità degli atti a lui notificati, se non quella di proporre ricorso avverso la competente commissione, e contestualmente pagare!
In più, al ravvisarsi di condizioni di “pericolo per la riscossione”, l’agente potrà finanche procedere con l’espropriazione forzata, fomentando, a parere della scrivente, una sorta di traslochi di beni mobiliari e immobiliari dai titolari degli stessi a contribuenti occulti al fisco. Infatti, proprio nella lotta all’evasione, è emerso ultimamente che una vasta gamma di contribuenti sono sconosciuti al Fisco, nonostante siano proprietari di beni di lusso di ogni categoria, ovviamente al netto di qualsivoglia impiego lavorativo produttivo di reddito.
L’esecutività degli accertamenti, pone sì una più celere ristrutturazione del debito pubblico, ma favorisce, allo stesso tempo l’occultazione di una grossa fetta di redditi, incrementando così i redditi “evasi”, in contrasto con chi le imposte le ha sempre pagate.
b. Reclamo e mediazione obbligatoria
Con il D.L. n. 98 del 06.07.2011 – convertito con modificazioni in L. n. 111 del 15.07.2011, pubblicata nella Gazzetta ufficiale del 16 luglio 2011 (manovra economica 2012-2014)– , è introdotto, dall’art. 39, commi 9 – 10 – 11, l’art. 17 bis D. Lgs. 546/92 (recante disposizioni in materia di processo tributario), rubricato “il reclamo e la mediazione”.
La relazione di accompagnamento al disegno di legge lo identifica come un rimedio amministrativo per deflazionare il contenzioso relativo ad atti di valore non elevato, emessi dall’Agenzia delle entrate” e notificati ai contribuenti a partire dalla data del 1° aprile 2012.
Le perplessità dell’istituto sono molteplici.
Al di là del contesto economico attuale del Paese, non sembra che la disciplina in esame ponga un reale beneficio deflativo agli “eccessi giudiziali”.
Sicuramente possiamo ritenerlo un filtro, stante le determinate caratteristiche ed i presupposti applicativi che richiede la procedura, ma, come sempre, nelle novità legislative, l’Ufficio non pone il contribuente nelle condizioni di poter usufruire a pieno dei propri diritti di difesa, senza contare le lacune normative a corredo della norma introdotta, facente funzione amministrativa – preprocessuale.
Anche in questo caso, emerge una violazione costituzionale dei principi di cui all’art. 111; la titolarità delle competenze di risoluzione delle controversie in materia di reclamo è affidata ad un organo distaccato dagli uffici da cui promanano gli atti impositivi, rubricati “uffici legali”, ma figli della stessa madre, l’Agenzia delle entrate!
Non v’è incertezza alcuna, siamo dinnanzi, ancora una volta, ad una gravissima incongruenza normativa, produttiva di effetti devastanti sulla molteplicità dei contribuenti, appellati, per giunta “evasori”!
Il conflitto di interessi intercorrente tra l’ufficio mittente e l’ufficio mediatore è lapalissiano, lesivo dei diritti costituzionalmente garantiti ed altamente vessatorio.
Inoltre, non si comprende in quale sfaccettatura possa inserirsi l’introduzione di un filtro di natura amministrativa pre-processuale nella famigerata lotta all’evasione, soprattutto alla luce di uno dei presupposti applicativi dell’istituto: “per le controversie di valore non superiore ai ventimila euro…”.
Senza contare, poi, che “la proposizione del reclamo è condizione di ammissibilità del ricorso” – comma 2, art. 17.
In sostanza, ci si chiede dove siano andati a finire i principi di buona fede, collaborazione, affidamento, principi garantiti costituzionalmente, ma costantemente disattesi nel ramo tributario, nonostante la materia del contendere si basi su diritti indisponibili, sulla capacità contributiva dei soggetti ricorrenti e sul potere, ormai sempre più esteso, del contraente più forte: il fisco.
Ad oggi, non abbiamo ancora dei benefici relativi all’introduzione del reclamo obbligatorio e sicuramente non riuscirà difficile immaginare che la lotta all’evasione non poggerà le sue radici risolutive su questo istituto.
c. Inammissibilità del ricorso per Cassazione
A seguito della riforma al codice di procedura civile, operata dalla L. 18 giugno 2009, n. 69, ed in virtù del rinvio contenuto nell’art. 1 del D. Lgs. 546/92, è stato introdotto l’art. 360 bis c.p.c., il quale prevede, al comma 1, un motivo di inammissibilità del ricorso ovvero quando “il provvedimento impugnato ha deciso le questioni di diritto in modo conforme alla giurisprudenza della Corte e l’esame dei motivi non offre elementi per confermare o mutare l’orientamento della stessa”.
Questo significa che sarà rigettato il ricorso contro una decisione conforme all'orientamento della Cassazione. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate per la prima volta in ordine all'interpretazione dell'art. 360 bis, n. 1, c.p.c., enunciando il seguente principio di diritto: "La Corte rigetta il ricorso, perché manifestamente infondato, se, al momento in cui pronuncia, la decisione di merito si presenta conforme alla propria giurisprudenza e il ricorso non prospetta argomenti per modificarla (Cass., SS.UU., Ord. 6 settembre 2010, n. 19051).
In un’ottica di deflazione del contenzioso, potrebbe dirsi anche efficiente la norma inserita, ma non bisogna mai dimenticare la funzione fondamentale nomofilattica della Corte di Cassazione; il controllo di legittimità operato dalla stessa testimonia come, seppur in presenza di fattispecie analoghe, l’errore di applicazione della norma è sempre in agguato, a prescindere dall’orientamento conforme o meno.
Anche in questo caso, è violato il diritto di difesa del contribuente, per giunta con la sanzione più invalidante: l’inammissibilità.

3. Proposte di modifica legislativa.
Alla luce di quanto esposto e documentato, anche in vista della prossima riforma fiscale, risulta assolutamente necessaria una riforma del processo tributario nel rispetto dell’art. 111 della Costituzione (in tema di condizioni di parità delle parti e di imparzialità del giudice, estraneo ai fatti di causa) e dell’art. 24 della Costituzione (in relazione all’inviolabilità del diritto di difesa in ogni stato e grado del processo).
Il contribuente deve essere posto sullo stesso piano processuale del fisco, al fine di poter verificare le condizioni costituzionali degli articoli citati; deve poter esercitare tutti i poteri istruttori e difensivi, senza alcuna limitazione (tantomeno “legalizzata”).
Legalizzare le restrizioni dei principi costituzionali a difesa dei contribuenti è la prima delle cause dell’evasione fiscale; i controlli ed i poteri del fisco diventano sempre più pressanti, gli strumenti predisposti al fine di verificare le incongruenze normative fiscali aumentano sempre più, ed in tale ottica è opportuno ampliare anche gli strumenti di difesa dei contribuenti, e non cercare di limitare gli unici mezzi di difesa, attualmente a disposizione, in funzione di una caccia alle streghe senza fine e senza risultati.
In definitiva, de iure condendo, dopo aver completamente abrogato gli istituti relativi all’accertamento esecutivo, al reclamo obbligatorio ed ai profili di inammissibilità del ricorso per Cassazione – come espressi nei paragrafi precedenti – il nuovo processo tributario si deve preoccupare di rispettare i seguenti principi:
 il processo non deve essere più gestito dal MEF, che ricordiamo è parte processuale come il contribuente, ma deve essere gestito da un organo terzo e imparziale, come la Presidenza del Consiglio dei ministri o il Ministero della Giustizia;
 i giudici devono essere “a tempo pieno”, professionali, specializzati nella materia tributaria e devono ricevere compensi dignitosi e congrui all’attività che svolgono, parificati a quelli dei giudici ordinari (ricordiamo che il MEF corrisponde ai giudici tributari la somma di € 25,00 a sentenza depositata e nulla corrisponde per le ordinanze di sospensione – ad oggi, non è ancora stato corrisposto il compenso per il II semestre 2011! – );
 questo provoca una palese ed inequivocabile mortificazione per il delicato ed importante ruolo svolto dai giudici tributari, circostanza di cui si dovrebbe assolutamente ed immediatamente interromperne gli effetti;
 i conferimenti di incarichi ai giudici devono avvenire per concorso pubblico (in primo grado il giudice deve essere monocratico ed in secondo grado collegiale);
 non vi devono assolutamente essere limiti nella fase istruttoria della difesa, motivo per cui, in corrispondenza di quanto sancito dalla Costituzione, oltre che in pieno rispetto alle norme del codice di procedura civile applicabili al processo tributario, devono essere ammesse la testimonianza ed il giuramento;
 le ordinanze di sospensione devono potersi impugnare nel grado di appello, sia in caso di accoglimento che in caso di rigetto, corredate dalle opportune e congrue motivazioni;
 deve essere consentita, in appello, la sospensione della sentenza di primo grado;
 in appello, dev’essere consentita la conciliazione giudiziale, ovviamente, con una diversa gradazione delle sanzioni applicabili;
 le sentenze, ove non sospese, devono avere efficacia esecutiva immediata sia per quanto riguarda i rimborsi sia per le spese di giudizio;
 ai giudici tributari deve essere concessa la facoltà di decidere secondo equità;
 tra gli atti impugnabili – ex art. 19 D. Lgs 546/92 – deve essere inserito anche il diniego di autotutela, sia tacito che espresso;
 i giudici tributari devono poter decidere, sulla base delle loro valutazioni di merito, anche relativamente ai risarcimenti conseguenti ad atti illegittimamente notificati, purchè il contribuente ne dia opportuna e documentata prova.

Conclusioni.
La riforma fiscale in cantiere deve tenere conto delle grosse lacune oggi presenti nel percorso processuale – tributario, adoperandosi per una urgente e necessaria riforma del processo tributario; perché, se è giusto e corretto combattere l’evasione fiscale, dev’essere altrettanto giusto e corretto, nonchè costituzionalmente legittimo, concedere la facoltà (attualmente garantita dalla Costituzione, almeno sulla carta) al contribuente onesto, di difendersi al cospetto di un giudice terzo ed imparziale, oltre che competente, senza soggiacere a nessun tipo di limitazione istruttoria o a nessun declassamento difensivo.
Nessun contribuente deve essere costretto a seguire questo illogico ed illegittimo bivio : pagare o conciliare!
Infine, è auspicabile che il presente “manifesto del contribuente” sia sottoscritto da tutti i cittadini - contribuenti, dai professionisti, dagli ordini professionali, al fine di sensibilizzare il Parlamento ad emanare la riforma tributaria, come delineato nelle note precedenti.
Combattere l’evasione è possibile, solo dopo aver ritrovato un dialogo paritario con il fisco, soprattutto in fase processuale.


Lecce, 20 luglio 2012 Avv. Maurizio Villani Avv. Francesca Giorgia Romana Sannicandro

 

AVV. MAURIZIO VILLANI
Avvocato Tributarista in Lecce
PATROCINANTE IN CASSAZIONE
www.studiotributariovillani.it - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


TERRA DI LEUCA: verso un modello di Garanzia e Responsabilità Reciproca in tempi di Crisi

Venerdì 22 giugno 2012 alle ore 18.30

presso la Sala Conferenze Comunale – Palazzo Ramirez

P.zza Concordia - SALVE

 

Giuseppe Negro modererà la Tavola Rotonda

 

Nessun esperto sa immaginare il futuro e ci troviamo in una situazione nuova ed unica: ogni crisi mette l’uomo di fronte ad un grande pericolo oppure di fronte ad una grande opportunità.

 

Per la prima volta, i cittadini e i loro rappresentanti potranno sperimentare un nuovo modello di dialogo pubblico basato sull'ascolto reciproco per costruire insieme un futuro migliore.

 

La soluzione è “Insieme” con il consenso e la comprensione reciproca.

 

Contribuisci con la tua partecipazione!

 

PROGRAMMA

 

  • ore 18,30 – Saluto del Presidente dell’Unione, Giuseppe Picci, Sindaco di Morciano di Leuca;
  • ore 18,40 – Inizio Tavola Rotonda moderata dal Dr. Giuseppe Negro, medico, con la partecipazione di:
  • Giuseppe Picci – Presidente dell'Unione – Sindaco di Morciano di Leuca
  • Vincenzo Passaseo – Sindaco di Salve
  • Osvaldo Stendardo – Sindaco di Alessano
  • Antonio Buccarello – Sindaco di Gagliano del Capo
  • Francesco De Nuccio – Sindaco di Patù
  • Ippazio Antonio Morciano – Sindaco di Tiggiano
  • Biagio Palumbo – Vicesindaco di Corsano
  • Maria Giaccari – Rappresentante Movimento NOI

 

  • ore 19,30Il pubblico interviene: domande e risposte.

 

 

  • Ore 20,00 – Tavole Rotonde con il Pubblico

 

 

  • Chiusura dei Lavori

 

L’Evento è aperto a tutti – ingresso libero

 

 

Contatti: http://www.noi-insieme.it/

Ufficio Stampa - NOI: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dr. Giuseppe Negro: cell. 366 1985782

 

 



Il Grande Beach Tennis a San Cataldo

Sabato 23 e domenica 24 giugno al Lido Piazzetta di Campoverde si svolgerà il primo torneo internazionale ITF di Beach Tennis Salento Summer Contest 2012.

 

 

 

 

Week end all’insegna del grande beach tennis a S. Cataldo. Sabato 23 e domenica 24 giugno  appuntamento con il primo torneo internazionale ITF di Beach Tennis Salento SummerContest 2012.

La manifestazione - patrocinata dal Comune di Lecce e organizzata dall’associazione Cocopinko Asd Salento Beach Tennis - si svolgerà  al Lido Piazzetta di Campoverde.

Trentadue gli iscritti al doppio maschile e sedici a quello femminile. “Un  numero significativo – ha sottolineato Giuseppe Coppola, presidente  dell’associazione Cocopinko Asd Salento Beach Tennis e organizzatore dell’evento – se si considera che in contemporanea in Bulgaria si svolgerà il torneo mondiale di beach tennis”.

“Questa disciplina - ha aggiunto Nico Traversa, fiduciario regionale della federazione FIT Beach Tennis - è in grande espansione nella nostra regione, la terza in Italia, basti pensare che il numero dei tesserati si aggira attorno  alle settecento unità, 250 delle quali provenienti dal Salento. Peraltro, il beach tennis rappresenta un importante strumento di promozione del territorio”.

Il torneo internazionale ITF sarà preceduto, venerdì 22 giugno, dal torneo nazionale di beach tennis destinato agli under 12-14 e 16.  

Alla conferenza stampa di presentazione dell’evento hanno preso parte Giuseppe Coppola, presidente  dell’associazione Cocopinko Asd Salento Beach Tennis e Nico Traversa, fiduciario regionale della federazione FIT Beach Tennis. 

Macché biscotto, agli Azzurri va il PanSorriso!

 

Prandelli e giocatori meritano il dolce della salute e del buonumore
Per la gioia Giovanni Venneri offrirà ai protagonisti della partita di ieri sera
il frutto migliore della sua arte pasticcera, fatto con ingredienti sani e naturali

 

 

 

Niente “biscotto” agli Azzurri, i 14 giocatori che hanno solcato il campo ieri sera ed il mister nazionale Prandelli meritano ben altro, meritano il PanSorriso, parola di Giovanni Venneri, il pasticciere salentino che ha dato vita pochi giorni fa al dolce più sano e naturale che ci sia, definito il “dolce della salute e del buonumore”. Si parla di salute perché il PanSorriso ha nel suo cuore olio extravergine d’oliva al posto del burro, miele al posto dello zucchero e tanti altri ingredienti naturali a km zero, un dolce praticamente perfetto per la Dieta Med-Italiana.

 

«E’ stata tale e tanta la gioia ieri sera che al fischio di fine partita (…quella tra Spagna e Croazia, non la nostra) ho subito pensato di voler premiare i beniamini nazionali – afferma Venneri – e quale modo migliore se non offrirgli il meglio di ciò che so fare, ossia il neonato PanSorriso. Non so cosa avrei dato per essere lì in quel momento per poterli abbracciare uno ad uno e potergli offrire un PanSorriso intero. Ora posso solo aspettare che tornino in Italia e, comunque vadano questi Europei, inviare a Prandelli e a tutti i giocatori di ieri sera uno dei miei dolci, per ricambiare la grande soddisfazione e l’immensa gioia ricevuta.»

 

Il PanSorriso non ha nemmeno un mese di vita, è stato infatti presentato al pubblico e alla stampa il 25 maggio scorso, nell’ambito del Festival della Dieta Med-Italiana, la kermesse promossa degli studenti dell’Istituto Costa di Lecce appartenenti al movimento “Repubblica Salentina” e organizzata insieme a Provincia di Lecce, Camera di Commercio e Comune di Lecce. E’ un dolce particolarissimo, conosciuto come dolce della salute e del buonumore per via dei suoi ingredienti che lo rendono sano e naturale al 100%. E’ realizzato con olio extravergine d’oliva “Adamo” (prodotto ad Alliste (Le), a non più di 100 metri dal laboratorio della pasticceria Venneri) e con miele del luogo, che sostituiscono rispettivamente burro e zucchero, rendendolo così leggerissimo, sano e digeribile. Per ora il pasticciere ha previsto due varianti, all’arancia e ai fichi, entrambi straordinariamente buoni.

 

Anche il nome, il logo e la forma di questo nuovo prodotto della pasticceria italiana sono originali. L’icona che lo caratterizza richiama anche la forma con cui il PanSorriso si presenta al consumatore, ossia un sole sorridente, simbolo emblematico della terra che lo produce. Il nome mette allegria soltanto a pronunciarlo e poi, è stato sperimentato, è sufficiente assaggiarne un pezzo per entrare in uno stato di piacevole buonumore.

 

…che abbia le qualità per diventare il dolce ufficiale della Nazionale? Sognare non costa nulla.

 

 

 

Presto on line il sito www.pansorriso.it


Chiuso per lavori il sottopasso di via del Mare

Verranno effettuali alcuni lavori di pulizia delle condotte di fognatura bianca. Si potrà invece attraversare il sovrappasso da e verso viale Japigia e viale Leopardi

Leggi tutto: Chiuso per lavori il sottopasso di via del Mare

Minervini giovedì presenta il libro “Salva i ciclisti”

Giovedì 21 Giugno 2012 alle 18:30 presso la Feltrinelli di Bari (via Melo, 119) l’assessore alla mobilità della Regione Puglia, Guglielmo Minervini, presenterà il libro “Salva i ciclisti” di Pietro Pani, alias Paolo Pinzuti, portavoce del popolare movimento nato dal web per chiedere alla politica interventi mirati per aumentare la sicurezza dei ciclisti sulle strade italiane. 

Leggi tutto: Minervini giovedì presenta il libro “Salva i ciclisti”

COPYRIGHT © 2021. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com