Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata
.: RSS di Economia - ANSA.it:.  Borsa: Milano in calo (-1,6%) con Europa su questioni Covid Secondo analisti elezioni a breve peggiorerebbe scenario    |    Borsa: Elite cresce nonostante covid, +218 aziende nel 2020 Guarda a Stati Uniti e Europa, nel 2021 continuerà espansione    |    Borsa: Europa peggiora, mentre Ue è riunita su Covid Giù banche, future Usa negativi, su Nasdaq piatti. Milano -1,4%    |    Borsa: Milano peggiora (-1,2%) Crisi governo mentre pesano difficoltà tutta Ue su vaccini Covid    |    Turismo: mercato digitale nel 2020 crolla a 6,2 mld (-60%) Viaggi d'affari scendono a 7,6 miliardi in diminuzione del 63%    |    Commercio estero: Istat, export in calo del 9,9% nel 2020 Dati extra-Ue. Anno peggiore dal 2009. Nel quarto trimestre +4%    |    Gucci: accelera su sostenibilità, progetti in sostegno clima Bizzarri, vogliamo essere parte della soluzione    |    Borsa: Europa incerta tra Covid e attesa Fed, giù le banche In calo industria, informatica e petroliferi, bene farmaceutici    |    Borsa: Milano debole (-0,1%), bene banche, sale Unicredit In positivo utility e farmaceutici, in calo l'industria    |    Borsa: Europa apre negativa Francoforte (-0,3%), Parigi e Londra (-0,1%),    |    Borsa: Milano apre in leggero calo (-0,3%) Il Ftse Mib a 21.921 punti    |    Borsa: Asia in ordine sparso in attesa della Fed Cina e Giappone in positivo, non Corea e Australia    |    Spread Btp-Bund apre stabile a 118 punti Rendimento del decennale italiano allo 0,65%    |    Oro: prezzo spot in calo a 1.848 dollari l'oncia Su mercati asiatici segna -0,13%    |    Cambi: euro poco mosso in avvio a 1,2160 dollari La moneta unica viene scambiata a 126,06 yen    |    Petrolio: in rialzo, Wti a 52,98 dollari al barile Brent a 56,29 dollari    |    Borsa: Tokyo, apertura in rialzo (+0,46%) Ottimismo su stime Fmi, attesa trimestrali    |    Gualtieri: blocco licenziamenti prima per tutti 'Con una successiva limitata ai settori più in difficoltà che hanno delle perdite come può essere il turismo'    |    Petrolio: chiude in calo a Ny a 52,61 dollari Ribasso dello 0,3%    |    Borsa: Milano tonica con Unicredit, Nexi e Pirelli In luce banche, scatto Cementir, risale Cattolica, giù Prysmian    |    Spread Btp-Bund chiude in calo a 118 punti Rendimento scende allo 0,645%, fiducia in nuovo governo    |    Borsa: Europa chiude in rialzo, Francoforte +1,7% Parigi +0,9% e Londra +0,2%    |    Alitalia: domani l'invio delle richieste di ristori all' Ue Vestager, manca notifica. Decisione su aiuti quasi presa    |    Piazza Affari non crede al voto e chiude in rialzo (+1,1%) L'indice Ftse Mib sale a 21.987 punti    |    Borsa: Milano snobba crisi con Europa, Unicredit +5% Acquisti su banche e auto. Spread in calo a 116 punti    |    Unicredit: Andrea Orcel prossimo ceo al posto di Mustier Cda in programma prima del weekend    |    Unicredit: Andrea Orcel prossimo ceo Sciolto il nodo per il posto lasciato da Mustier    |    Blackrock,con pandemia più determinati in lotta clima Serve standard unico globale, aziende si adeguino a Tfcd    |    Borsa: Wall Street apre positiva, Dj +0,42%, Nasdaq +0,46% S 500 sale dello 0,33%    |    Fitch, con governo debole crescita a rischio Voto improbabile ma senza strategia efficace debito/pil non cala    |    Petrolio: in rialzo a Ny, +0,55% A 53,08 dollari al barile    |    Allarme Fmi, 90 mln di poveri in più, vaccini siano per tutti Correggere disuguaglianze accesso, così aumentano redditi    |    Fmi taglia stima Pil Italia 2021, cresce del 3% Nel 2020 contrazione 9,2%, inferiore alle attese. Per 2022 +3,6%    |    Borsa: Milano forte con Europa snobba politica, bene spread Piazza Affari sale dell'1,2%, accelerano le banche    |    Il Fmi taglia la stima sul Pil dell'Italia nel 2021, cresce del 3% Nel 2020 contrazione del 9,2%, inferiore alle attese. Per il 2022 +3,6%    |   
Sopra

Lavoro

09/11/2020 VII edizione Premio imprese per la sicurezza

Confindustria ha dato avvio anche quest'anno, insieme ad INAIL e con la collaborazione tecnica di APQI (Associazione Premio Qualità Italia) e di Accredia (Ente Italiano di Accreditamento), alla VII edizione del “Premio Imprese per la sicurezza”, al fine di valorizzare le imprese che fanno della prevenzione e della sicurezza un cardine della propria quotidianità e che si contraddistinguono per l'impegno concreto e per i risultati gestionali conseguiti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

 

Il Premio utilizza un modello innovativo appositamente sviluppato per valutare la “Gestione Totale della Sicurezza”  che analizza i “molteplici aspetti” dell’azienda dal punto di vista della sicurezza sul lavoro.


Tutte le imprese partecipanti, non solo i finalisti, inoltre, riceveranno un report personalizzato che consentirà di individuare i punti di forza e le aree di miglioramento e di confrontare il punteggio raggiunto con quello degli altri partecipanti. Un’utile “cartina di tornasole” per capire la propria capacità sui temi della salute e sicurezza sul lavoro.


Sulla homepage del sito di Confindustria nazionale, cliccando sul Appuntamenti/Iniziative e progetti “https://www.confindustria.it/home/appuntamenti/iniziative-progetti/dettaglio-evento/premio-sicurezza-2020”,  sono disponibili le informazioni necessarie per poter partecipare (la scadenza prevista è il 21 dicembre 2020, ore 14).

 

Il 16 novembre prossimo, infine, si terrà un webinar che darà indicazioni su contenuti e modalità di partecipazione (in allegato il programma con il link per seguire il webinar).

 

 

Come noto è massima l’attenzione di Confindustria ai temi della sicurezza

Si trasmette di seguito il link di un tutorial realizzato con Inail, contenente una video intervista sul tema del Vice Presidente nazionale Stirpe (https://youtu.be/keXUBWYKmgU).

26/10/2020 L’Inps sblocca la decontribuzione Sud, consistente in uno sgravio del 30% senza massimali dal 1° ottobre al 31 dicembre 2020

L’Inps sblocca dal 1° ottobre al 31 dicembre 2020 (ma con l’impegno ad estenderla fino al 2029) la decontribuzione Sud, consistente in uno sgravio del 30% senza massimali, prevista dal decreto legge n. 104/2020. 

L’agevolazione è già usufruibile con l’Uniemens di ottobre con scadenza al 16 novembre prossimo.

La decontribuzione si potrà fruire anche senza rispettare i principi voluti dall’articolo 31 del Dlgs 150/15, come il rispetto del diritto di precedenza nelle assunzioni di alcuni lavoratori o l’inapplicabilità dell’agevolazione in caso di assunzioni non volontarie. Ottenuto il via libera dalla Ue, l’Inps, con la circolare 122 del 22.10.2020, allegata, disciplina l’esonero per le aziende che occupano dipendenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia.

Lo sgravio si può applicare a tutti i dipendenti (con qualunque tipologia contrattuale), esclusi agricoli e domestici, compresi anche i nuovi rapporti costituiti nell’ultimo trimestre del corrente anno. Grazie allo sgravio - non riconosciuto per i premi Inail - i datori risparmieranno il 30% dei contributi complessivi dovuti, senza alcun massimale. Si tratta di un intervento importante, in quanto consentirà alle aziende un discreto risparmio anche per i dipendenti con retribuzioni medio alte.

L’Inps ricorda che l’esonero non si può applicare su tutti i contributi dovuti; restano fuori dall’aiuto alcune ormai note forme di contribuzione come il contributo integrativo Naspi (0,30%) e le contribuzioni di tipo solidaristico. L’operazione recupero può iniziare già dall’UniEmens di ottobre con scadenza di versamento al 16 novembre. 

L’Inps precisa che - pur trattandosi di un incentivo, in considerazione del fatto che lo stesso si rivolge sia al personale in forza, sia ai nuovi assunti in base a un’interpretazione estensiva della norma - la nuova decontribuzione Sud, non ha natura di incentivo all’assunzione. Tuttavia, trattandosi di un beneficio contributivo, si rende necessario il rispetto delle disposizioni contenute nei commi 1175 e 1176 della legge 296/2006. Questo significa che l’azienda ha diritto all’esonero se è in possesso del Durc, se non ha violato le norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro, se rispetta gli altri obblighi di legge in materia e se con contravviene alle regole imposte dagli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Nei limiti della contribuzione previdenziale dovuta, lo sgravio è cumulabile con altre facilitazioni contributive previste dall’ordinamento.

Il nuovo sgravio è cumulabile, altresì, con gli incentivi economici e, anche in questo caso, limita alla contribuzione datoriale dovuta.

 

 
COPYRIGHT © 2021. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com