Questo sito web utilizza i cookie per implementare alcune funzionalità statistiche e promozionali. Proseguendo con la navigazione si intende accettata la Cookie Policy. Privacy Policy
  • Login
  • Area privata
Sopra

Circolari

Energia (11)
Lavoro (95)
11/09/2020 Decreto Legge n. 111/2020 - disposizioni per i genitori lavoratori in caso di contagio/quarantena dei figli studenti

Lo scorso 8 settembre 2020 è stato pubblicato in G.U. n. 223, il Decreto Legge 8 settembre 2020, n. 111 recante “Disposizioni urgenti per far fronte a indifferibili esigenze finanziarie e di sostegno per l'avvio dell'anno scolastico, connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.”

Il Decreto Legge, in vista della prossima apertura degli istituti scolastici, ha introdotto specifiche misure per gestire l’assenza dal lavoro dei lavoratori genitori in caso di contagio dei figli o di applicazione della misura della quarantena.

In particolare, con le misure introdotte, il Governo intende offrire ai genitori lavoratori che devono assentarsi dal lavoro in quanto il figlio-studente è stato sottoposto alla misura della quarantena per contagio o sospetto contagio da Covid-19 la possibilità di lavorare in modalità di lavoro agile oppure fruire di appositi congedi straordinari per i genitori con figli minori di 14 anni.

In particolare, l’art. 5 del D.L. n. 111/2020 ha previsto che:

a) un genitore, lavoratore dipendente, potrà lavorare in modalità agile per tutta o parte della quarantena del figlio (convivente) disposta dal Dipartimento di prevenzione della ASL territorialmente competente a seguito di contatto verificatosi all'interno del plesso scolastico;
b) nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile e, comunque, in alternativa allo smart working, uno dei genitori, alternativamente all'altro, può astenersi dal lavoro per tutto o parte del periodo corrispondente alla durata della quarantena del figlio, minore di anni quattordici;
c) per i periodi di congedo fruiti ai sensi della lettera b) che precede è riconosciuta, in luogo della retribuzione, un’indennità pari al 50 per cento della retribuzione stessa, con applicazione della contribuzione figurativa;
d) per i giorni in cui un genitore fruisce di una delle misure di cui alle lettere a) e b) che precedono, l'altro genitore non può chiedere di fruire di alcuna delle predette misure;
e) il beneficio può essere riconosciuto per quarantene entro il 31 dicembre 2020.
Per informazioni: 0832393827

11/09/2020 Stelle al merito del lavoro

Come ogni anno, il Ministero del Lavoro ha diramato le istruzioni (in allegato 1) per la presentazione delle candidature per il conferimento delle "Stelle al Merito del Lavoro" per l'anno 2021.

Per le modalità di consegna delle onorificenze 2020, si è in attesa di conoscere le determinazioni che saranno assunte dalla Presidenza della Repubblica, fermo restando che le operazioni di selezione sono già state completate.

Le proposte di conferimento devono essere presentate agli Ispettorati del lavoro entro il termine perentorio del 31 ottobre 2020, corredate dai seguenti documenti:

· autocertificazione relativa alla nascita e alla cittadinanza italiana
· attestato di servizio o dei servizi prestati presso una o più aziende fino alla data della proposta, o del pensionamento, indicando l'attuale e l'ultima sede di lavoro
· attestato relativo alla professionalità, perizia, laboriosità e condotta morale in azienda
· curriculum vitae
· autorizzazione dell'interessato al trattamento dei dati personali
· residenza, recapito telefonico ed indirizzo mail, ove disponibile
Le proposte presentate lo scorso anno e non accolte sono decadute. Se le ragioni del mancato esito positivo sono venute meno, la candidatura può essere ripresentata, corredata da tutti i predetti documenti.

Per le domande riguardanti i lavoratori residenti all'estero la sede di presentazione è la locale Ambasciata.

Come di consueto, il Ministero del Lavoro sollecita la presentazione di candidature femminili per assicurare equilibrio tra i generi nel numero di conferimenti.

Per agevolare la verifica dei requisiti per i lavoratori con discontinuità delle sedi di lavoro è consigliato l’invio dell’estratto conto previdenziale INPS per attestare il raggiungimento del numero minimo di anni di servizio.

L’istruttoria avviene presso le competenti Direzioni interregionali/territoriali del lavoro, affiancate da apposite Commissioni alle quali partecipa un rappresentante del nostro sistema.

Le domande possono essere presentare direttamente dalle azienda o per il tramite della scrivente associazione, inoltrandole all’indirizzo mail: relazionisindacali@confindustrialecce.it

 

06/08/2020 Catalogo DPI aggiornato luglio 2020

In allegato il catalogo aggiornato con i costi dei dispositivi di protezione Anti – Covid19.

 

Per usufruire della convenzione Confindustria Lecce, è necessario inviare una mail al fornitore prescelto, con oggetto: “Convenzione Confindustria Lecce DPI”, inserendo l’indirizzo relazioniesterne@confindustrialecce.it in copia conoscenza.

 

E’ chiaro che la fornitura dei DPI avverrà in considerazione della loro tipologia e disponibilità, del packaging più gradito (un campione di mascherina è, per esempio, disponibile presso i nostri uffici per eventuale visione), dei tempi di consegna. 

10/07/2020 Indagine Banda Larga

Caro Collega,

Confindustria Lecce sta avviando un censimento delle zone in cui operano le nostre imprese che ad oggi non sono raggiunte dalla Banda Ultralarga, servizio fondamentale per la crescita economica e la competitività del tessuto industriale.

Alcune zone periferiche o extraurbane, dove si registra un’alta concentrazione di aziende, risultano, infatti, solo parzialmente coperte dalla Banda Ultralarga e saranno destinatarie della seconda fase degli investimenti previsti nell’ambito della Strategia Italiana BUL, per la copertura delle cosiddette Aree grigie.

Su input del settore digitale di Confindustria Nazionale, vogliamo predisporre una mappatura puntuale delle zone e/o distretti con problemi di copertura da sottoporre ad Infratel, società del Ministero dello Sviluppo Economico, preposta alla stesura dei bandi di infrastrutturazione.

L’iniziativa, estesa a tutto il territorio nazionale, consentirà al Governo una efficiente allocazione delle risorse disponibili sui prossimi bandi per le Aree grigie.

Per questo chiedo la Tua collaborazione e Ti invito a compilare il breve questionario di seguito riportato, così da fornire un importante contributo per lo sviluppo di nuovi servizi digitali ad alto valore aggiunto.

 

Giancarlo Negro</p> <p align="right">Presidente Confindustria Lecce

09/06/2020 Covid19-Catalogo DPI

Caro collega,

 

come ricorderai Confindustria Lecce ha iniziato a raccogliere i fabbisogni di DPI delle imprese associate, con l’obiettivo di rispondere alle esigenze degli iscritti, individuare i migliori fornitori a prezzi competitivi e nello stesso tempo valorizzare la produzione delle imprese del territorio.

 

In allegato ti invio il catalogo aggiornato ad oggi (che pertanto, sulla base di ulteriori segnalazioni, potrà subire variazioni nel tempo che ti verranno comunicate in seguito), sul quale troverai i prezzi convenzionati, unitamente ai riferimenti delle aziende.

 

Per usufruire della convenzione Confindustria Lecce, è necessario inviare una mail al fornitore prescelto, con oggetto: “Convenzione Confindustria Lecce DPI”, inserendo l’indirizzo relazioniesterne@confindustrialecce.it in copia conoscenza.

 

E’ chiaro che la fornitura dei DPI avverrà in considerazione della loro tipologia e disponibilità, del packaging più gradito (un campione di mascherina è, per esempio, disponibile presso i nostri uffici per eventuale visione), dei tempi di consegna.

 

 

Cordialmente

 

Giancarlo Negro

Presidente Confindustria Lecce  

17/04/2020 Sintesi Decreto liquidità

Cari colleghi,

vi inoltro un contributo dei Dottori Commercialisti Maurizio Renna, Giuseppe De Giorgi, Fabio Notarangelo e Bernardino Bottalico che, come per il primo DL afferente al Covid 19, hanno prodotto una sintesi delle disposizioni presenti nel DL Liquidità.

Il documento ci permette di avere un’analisi semplificata delle disposizioni e rappresenta un’efficace guida per comprendere quanto disposto dal DL.

Nei prossimi giorni convocheremo una Consulta dei Presidenti per analizzare gli strumenti proposti dal Governo e dalla Regione a sostegno delle imprese in questa drammatica fase.

Sarà l’occasione per esaminare opportunità e limiti delle misure proposte e indicare le nostre priorità rispetto ad interventi non ancora preventivati.

La strada da percorrere nei prossimi mesi sarà sicuramente in salita, ma con grande determinazione e passione per il nostro lavoro riusciremo a superare tutte le difficoltà. Sarà sempre più importante rimanere coesi tra di noi, condividere strategie comuni, avere un dialogo efficace con le Istituzioni avendo chiari gli obiettivi da raggiungere senza cadere in, alcuni momenti, facili polemiche.

Dobbiamo avere la capacità di individuare le priorità per tutte le nostre imprese attraverso un’efficace azione di ascolto, ma anche con grande capacità di sintesi. Sappiamo bene che in questo momento non possiamo pretendere la luna, ma abbiamo tutto il diritto di chiedere cose utili alle nostre aziende per dare lavoro e speranza al nostro territorio.

Sappiamo bene che alcuni importanti risultati si possono ottenere anche a costo zero, come l’abbattimento di una soffocante burocrazia, l’avvio di cantieri finanziati oramai da anni, il pagamento dei debiti della PA verso le imprese. Sono tutte iniziative che non creano nuovo debito al Paese, ma che possono mettere in moto la nostra economia.

Poche regole, ma chiare ed efficaci.  La forza delle nostre idee e delle nostre istanze deve trovare ascolto perché nasce dal grande senso di responsabilità che abbiamo sempre dimostrato e che stiamo dimostrando anche in questi giorni.

Chiedo ad ognuno di voi di inviare entro giovedì mattina 16 aprile a questo indirizzo eventuali proposte da sottoporre alle Istituzioni che verranno sintetizzate nella riunione della Consulta dei Presidenti.

Dobbiamo elaborare un documento di sintesi che rappresenti la proposta di Confindustria Lecce per affrontare la sfida della ripartenza.

Ne approfitto per ringraziare i professionisti che ci hanno aiutato ancora una volta con questo documento allegato che spero sia una valida guida alla lettura del DL.

Come sempre resto a vostra disposizione.

Un affettuoso abbraccio

 

Giancarlo Negro

Presidente Confindustria Lecce

10/04/2020 Protocollo Asl Lecce Confindustria Lecce per emergenza Covid-19

In allegato il Protocollo d'Intesa siglato con la ASL di Lecce, finalizzato a destinare le somme raccolte con le donazioni delle imprese associate ad iniziative di supporto al sistema sanitario territoriale. 

Nel Protocollo è stato privilegiato l'acquisto di strumenti/beni o dispositivi di protezione che siano utili non solo nell'attuale fase di emergenza da covid-19, ma anche nel futuro. 

La raccolta fondi è ancora in corso; è possibile aderire, effettuando versamenti sul conto corrente, creato appositamente per l'emergenza da coronavirus, intestato a: 


Raccolta fondi Confindustria Lecce pro sanità salentina Covid-19 -
IBAN IT 50 U 05262 16080 CC0801300129. 

 

23/03/2020 NOTE del Presidente Giancarlo Negro su normativa attuale: Decreto "Cura Italia", Dpcm 22 marzo, Cig in deroga

Caro Collega, 

in questi giorni, come già anticipato nella mia ultima comunicazione, si stanno susseguendo moltissime misure varate dal Governo per far fronte all'emergenza sanitaria da Covid-19 che si sta rivelando a tutti gli effetti una emergenza economica.

 

Confindustria Lecce è impegnata ai vari livelli - locale, regionale e nazionale - per far valere le ragioni dell'impresa e quelle della salute nostra, delle nostre famiglie e dei lavoratori. Allo stesso tempo, l'Associazione sta lavorando alacremente per aggiornare le imprese sulle novità legislative, nonché sulle attuali e future opportunità rivenienti dalle normative in via di definizione. 

 

Ti invio alcune note che riguardano l'attività di queste ultime ore: 

 

-DECRETO CURA ITALIA

In collaborazione con Maurizio Renna – Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti, Fabio Notarangelo – Esperto di Organizzazione Aziendale, Pianificazione e Controllo di Gestione, e Federico Marinelli – Avvocato del Lavoro e Consulente H.R., che ringrazio e che si sono resi disponibili a chiarire ulteriori dubbi e perplessità su quanto dovesse emergere nei prossimi giorni, abbiamo realizzato una sintesi del decreto Cura Italia, per quanto concerne le materie di stretto interesse delle imprese; (Documento in allegato)

 

- DPCM 22 MARZO

Confindustria Lecce ha chiesto nel corso di un Consiglio di Presidenza a Confindustria Puglia di attivarsi presso gli organi competenti per:  

  1. chiarire in maniera certa i dubbi rispetto all’applicazione del Decreto del 22 marzo sulle chiusure. Confindustria Lecce ha proposto di attivare un tavolo costante con la Prefettura per dirimere eventuali posizioni dubbie e farsi eventualmente autorizzare (cosa prevista anche dal decreto).

Per eventuali dubbi, puoi contattare:

marketing@confindustrialecce.it; 328.8853050;

 

  1. evitare il blocco delle filiere finanziare con il conseguente collasso delle imprese e intervenire sulla Regione e su tutti gli Enti locali affinché paghino entro 30 giorni tutti i debiti verso le imprese, attivando altresì  procedure per il riconoscimento dei SAL in maniera meno burocratizzata;

 

  1. farsi portavoce attraverso Confindustria nazionale dello sblocco di tutti i pagamenti sospesi da parte della Pubblica Amministrazione;

 

  1. sollecitare tutte le banche al rispetto di quanto previsto dal Decreto Cura Italia in merito alla moratoria sui mutui, specificando che è un atto dovuto, se richiesto dalle imprese, nell’ipotesi che ricorrano tutti i requisiti, e non una concessione attraverso istruttoria da parte della singola banca.

 

- CIG IN DEROGA 

La Regione ha fissato la normativa di riferimento per l'accesso alla Cassa integrazione in deroga per le imprese che non possono utilizzare quella ordinaria. (Documento in allegato). 

A breve darò anche aggiornamenti rispetto alla raccolta fondi da destinare in beneficienza alla provincia di Lecce per il Covid 19.

 

Sono naturalmente a Tua completa disposizione per ogni dubbio e perplessità: 335.8113622.

Ringraziando per l'attenzione, porgo cordiali saluti 

Giancarlo Negro

Presidente Confindustria Lecce

 
""""""""""""""""
25/11/2016 Accordo Quadro Confindustria Lecce Cgil Cisl e Uile di Lecce contro le violenze sui luoghi di lavoro
In allegato il testo dell'accordo siglato da Confindustria Lecce, Cgil, Cisl e Uil di Lecce
 
COPYRIGHT © 2020. CONFINDUSTRIA LECCE via VITO FORNARI, 12 - 73100 LECCE
TEL. 0832.316061 - FAX. 0832.397402
Powered by Informatica & Tecnologia  Designed by Shape5.com